Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovi ad obiettivi basati a cella per il trattamento delle malattie infiammatorie autoimmuni

I Pazienti con le malattie autoimmuni sistematiche quali lupus e l'artrite reumatoide (RA) soffrono spesso la perdita di funzione del rene.

Una Volta tracciata da una formazione crescente nel glomerulo - una palla minuscola formata dai vasi sanguigni capillari integrali a formare urina - l'insufficienza renale tende ad essere rapido progressiva, irreversibile ed interna. Piccolo è conosciuto circa il meccanismo dietro questa mezzaluna o la sua relazione ad infiammazione immune-mediata.

Per guadagnare capendo, un gruppo dei ricercatori nel Giappone ha cominciato analizzando uno sforzo mutante spontaneo dei mouse di EOD. Il Loro studio, pubblicato nell'emissione Del settembre 2006 dell'Artrite & del Reaumatismo, indica il ruolo critico della funzione della piastrina in questo modulo terribile della malattia renale autoimmune, glomerulonenephritis crescente (CGN). Egualmente fa luce sulla partecipazione della proteina di Cno, un membro di grande complesso della proteina chiamato la biogenesi del complesso in relazione con il lisosoma 1 (BLOC-1) dell'organello, nello sviluppo di una malattia autoimmune.

I Ricercatori hanno isolato questo sforzo mutante dei mouse dallo sforzo autoimmune-incline EOD, che sviluppa stabile CGN interno. Poi, facendo uso dei campioni di sangue, hanno valutato completamente il conteggio del globulo, la funzione immune, la funzione della piastrina ed i beni di vari tipi e geni delle cellule in questi mouse, cercanti le bugne al loro miglioramento notevole in CGN ed alla capacità sopravvivere a circa due volte finchè mouse selvaggio tipi di EOD. Fra i risultati sorprendenti in mutante i mouse erano una capacità di alterare le funzioni della piastrina. Mentre i mouse selvaggio tipi di EOD video le capitalizzazioni massicce delle piastrine nel glomerulo, i mouse mutanti non hanno fatto, ma erano a spurgo più incline. L'Indagine successiva ha rivelato una mutazione nel gene dei cappuccini, che codifica la proteina di Cno. Le piastrine Mutanti egualmente hanno mostrato l'aggregazione anormalmente bassa in risposta al collageno ed alle tariffe anormalmente basse di archiviazione della serotonina.

Questi risultati suggeriscono i collegamenti fra la mutazione genetica, la perdita di espressione della proteina di Cno, il difetto nella funzione della piastrina e la regressione di formazione crescente nel glomerulo. Che Cosa è più, questi collegamenti sono collegati con BLOC-1, che gestisce i lisosomi, organelli minuscoli che contengono gli enzimi digestivi critici a mantenere la funzione sana delle cellule.

“Il ruolo profondo di BLOC-1 sembra essere piastrina-specifico fra i tipi immuno-infiammatori delle cellule,„ nota l'autore principale dello studio, il Dott. Masao Ono dalla Scuola Post-laurea dell'Università di Tohoku di Medicina. “BLOC-1 è un obiettivo terapeutico possibile per soppressione delle funzioni della piastrina senza compromettere le risposte immunitarie fisiologiche.„

In un altro studio nuovo di promessa, facendo uso dei ratti e dei mouse gene-modificati, i ricercatori a Turku, Finlandia, hanno scoperto un nuovo tipo di molecola di aderenza altamente espresso sulle imbarcazioni del tessuto sinoviale umano infiammato. Questa molecola, AOC3 (ossidasi dell'ammina, rame-contenente 3; anche conosciuto come proteina vascolare di aderenza 1), impianti per stimolare infiammazione contrastando l'infiltrazione dei leucociti, globuli bianchi vitali, nelle giunture reumatoidi. In un editoriale che descrive la scoperta e la funzione di questo enzima adesivo, il Dott. il Battimento A. Imhof dell'Università di Scuola di Medicina di Ginevra e di Ospedale Universitario, Ginevra, Svizzera, indica il valore terapeutico potenziale per i pazienti di artrite reumatoide. “Le terapie Antiadesivo basate sull'uso di piccoli inibitori della molecola certamente rappresentano un'alternativa economicamente interessante ai trattamenti biologici costosi, quali gli anticorpi umanizzati della molecola di anti-aderenza, che corrente stanno sviluppandi per il trattamento delle malattie infiammatorie,„ note del Dott. Imhof.

http://www.interscience.wiley.com/