Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Succo riduce il rischio di Alzheimer

In un grande studio epidemiologico, i ricercatori hanno trovato che quella gente che ha bevuto tre o più servizi di frutta e di succhi di verdura alla settimana ha avuto i 76 per cento più a basso rischio del Morbo di Alzheimer svilupparsi che coloro che ha bevuto il succo meno di una volta alla settimana.

Lo studio da Qi DAI, M.D., Ph.D., assistente universitario di Medicina a Vanderbilt e colleghi compare nell'edizione di Settembre Della Rivista di Medicina Americana.

I ricercatori hanno seguito un sottoinsieme degli oggetti da un grande studio interculturale su demenza, chiamato il Progetto del Ni-Hon-Mare, su che ha studiato il Morbo di Alzheimer e la demenza vascolare in popolazioni Giapponesi più anziane che vivono a nel Giappone, in Hawai e Seattle, Washington

Per lo studio corrente, chiamato il Progetto Kame, i ricercatori hanno identificato 1.836 oggetti senza demenza nella popolazione di Seattle ed hanno raccolto le informazioni sul loro consumo dietetico di frutta e di succhi di verdura. Poi hanno valutato la funzione conoscitiva ogni due anni per fino a 10 anni.

Dopo avere gestito per la confusione possibile scompone come il fumo, formazione, attività fisica e consumo di grassi, i ricercatori hanno trovato che coloro che ha riferito che succhi beventi tre o più volte alla settimana erano 76 per cento meno probabili da sviluppare i segni del Morbo di Alzheimer che coloro che ha bevuto meno di uno che servisce alla settimana.

Il vantaggio è sembrato migliorato specialmente negli oggetti che portano il  del apolipoprotein E - 4 allele, un marcatore genetico collegato al Morbo di Alzheimer di manifestazione tardiva - il modulo più comune della malattia, che si presenta tipicamente dopo l'età di 65.

I ricercatori hanno scelto di studiare questo gruppo a causa della tariffa di incidenza bassa del Morbo di Alzheimer nella popolazione Giapponese. Tuttavia, l'incidenza di Alzheimer in Popolo giapponese che vive negli Stati Uniti è più alta, avvicinandosi alle tariffe di incidenza in Americani. Ciò ha indicato i fattori ambientali come la dieta e lo stile di vita come contributori importanti al rischio di malattia.

Originalmente, i ricercatori hanno sospettato che le alte assunzioni delle vitamine antiossidanti (vitamine C, E e - carotene) potrebbero assicurare una certa protezione contro il Morbo di Alzheimer, ma gli studi clinici recenti non hanno supportato questa ipotesi.

“Abbiamo pensato che la componente di fondo non potesse essere vitamine, quello là era forse qualcos'altro,„ DAI ha detto.

DAI ha cominciato a sospettare che un'altra classe di prodotti chimici antiossidanti, conosciuta come i polifenoli, potrebbe svolgere un ruolo. I Polifenoli sono antiossidanti della non vitamina comuni nella dieta e particolarmente abbondanti in tè, succhi e vini. La Maggior Parte dei polifenoli esistono soprattutto nelle interfacce e nelle pelli delle frutta e delle verdure. Gli studi Recenti hanno indicato che i polifenoli (come il resveratrol in vino) estendono la durata della vita massima da 59 per cento e ritardano la disintegrazione età-dipendente della prestazione conoscitiva nei modelli animali.

“Inoltre, gli studi sugli animali e gli studi della coltura cellulare hanno confermato che alcuni polifenoli dai succhi hanno mostrato un più forte effetto neuroprotective che le vitamine antiossidanti. Così ora stiamo esaminando i polifenoli,„ DAI ha detto.

Il punto seguente, ha detto DAI, è di provare i campioni di sangue degli oggetti per vedere se i livelli elevati di polifenoli sono collegati con il rischio diminuito di declino e di Morbo di Alzheimer conoscitivi. Ciò fornirebbe ulteriore prova del ruolo dei polifenoli del succo nel rischio del Morbo di Alzheimer. Anche può indicare i tipi di succhi che sarebbero i più utili.

Non sappiamo se è un tipo specifico di succo (che diminuisce il rischio). Che le informazioni non sono state raccolte nello studio corrente,„ ha detto DAI. “Ma possiamo usare il plasma per restringere i generi di succhi.„

Comunque promettendo i risultati di studio compaia, DAI ha avvertito, è importante che il salto del grande pubblico non la pistola per quanto riguarda il valore di succo come misura preventiva per il Morbo di Alzheimer.

“Alcuni anni fa, terapia di sostituzione di ormone, NSAIDs (anti-infiammatori non steroidei) e vitamine antiossidanti ha mostrato la promessa (nell'impedire o nel rallentamento del Morbo di Alzheimer), ma i test clinici recenti indicano che non fanno,„ DAI hanno detto. “Più studio, penso, sono necessario.„

http://www.vanderbilt.edu