Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Biomarcatori nel sangue indicano la probabilità di avere altro colpo

La Gente che ha sofferto appena il loro primo colpo ischemico, un coagulo di sangue nel cervello, ha elevato spesso i biomarcatori infiammatori nel loro sangue che indicano la loro probabilità di avere un altro colpo o un rischio aumentato di morte, secondo i ricercatori del Centro Medico di Columbia University all'Ospedale NewYork-Presbiteriano.

Pubblicato negli Archivi del 23 ottobre di Medicina Interna, i risultati indicano che questi indicatori infiammatori sono associati con la prognosi a lungo termine dopo un primo colpo e possono contribuire a guidare la cura clinica per la gente che ha sofferto un primo colpo.

Un biomarcatore ha chiamato la fosfolipasi lipoproteina-associata A2 (Lp-PLA2), che è stato Approvato dalla FDA predire il rischio di primo colpo, è stato trovato per essere un forte preannunciatore del rischio ricorrente del colpo. I Ricercatori egualmente hanno trovato che i livelli elevati di altro biomarcatore hanno chiamato la alto-sensibilità proteina C-Reattiva (hs-CRP), una prova comunemente usata per predire il rischio di malattia di cuore, sono stati associati con i colpi più severi e un rischio aumentato di mortalità.

“Una migliore comprensione dei biomarcatori per il rischio del colpo può piombo all'uso dei trattamenti profilattici diminuire il rischio di gente che soffre i colpi debilitanti,„ ha detto l'autore principale Mitchell S.V. Elkind, M.D., M.S., professore associato della Neurologia all'Istituto Universitario di Columbia University dei Medici e Chirurghi e neurologo aNewYork-Presbiteriano. “Per esempio, gli statins sembrano abbassare questi livelli di biomarcatore, in modo dal nostro punto seguente può essere di studiare il vantaggio clinico degli statins di prescrizione per diminuire il rischio di colpo nella gente con i biomarcatori elevati ed anche alla gente dell'ossequio che ha sofferto un colpo in modo che non abbiano altro evento serio.„

La ricerca è stata condotta prelevando i campioni di sangue da 467 pazienti che avevano sofferto appena il loro primo colpo ischemico, dallo Studio Nordico del Colpo di Manhattan, da uno studio prospettivo a lungo termine fra la gente dalla vicinanza di Washington Heights a Manhattan Del Nord e dalla zona circostante. Lo studio in corso, che ha cominciato nel 1990, è fatto funzionare dall'Istituto Neurologico di New York al Centro Medico di Columbia University e NewYork-Presbiteriano, situato in Washington Heights.

Il gruppo dei ricercatori a Colombia e di NewYork-Presbiteriano anche incluso: Ralph L. Sacco, M.D., M.S.; Wanling Tai, B.S.; Kristen Coates, B.S.; e, Myunghee C. Paik, Ph.D.

http://www.columbia.edu