Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Mini fegato artificiale sviluppato dalle cellule staminali

Gli Scienziati in Gran-Bretagna hanno coltivato il primo fegato artificiale dalle cellule staminali, che è il primo punto in un trattamento in grado di in 10 anni vedere i fegati che sono cresciuti in un laboratorio per i trapianti umani.

I fegati miniatura sono il lavoro del Dott. Nico Forraz ed il Professor Colin McGuckin dell'Università di Newcastle che ha lavorato con gli scienziati della NASA a Houston negli STATI UNITI.

Sono stati prodotti usando le cellule staminali dai cordoni ombelicali e saranno usati per la droga e la prova farmaceutica.

Ciò diminuirà l'esigenza delle prove delle droghe sugli animali e sulla gente.

I fegati minuscoli sono la dimensione di piccola moneta e sono il primo punto nella creazione del fegato 100%.

Nel trattamento le cellule staminali sono state collocate in un bioreattore che è uno strumento sviluppato dalla NASA per imitare gli effetti di assenza di peso.

Ciò ha permesso alle celle di moltiplicarsi più rapido e con l'aiuto degli ormoni e dei prodotti chimici le cellule staminali sono state incoraggiate a trasformarsi nel tessuto del fegato.

Il Dott. Forraz dice che hanno usato un piccolo pezzo di sangue di cordone ombelicale e poi basicamente hanno migliorato che cosa già è esistito.

Nel rispetto del loro lavoro aprente la strada in questo progetto Forraz e McGuckin hanno ricevuto la settimana scorsa il premio di scienza e tecnologia alla Concorrenza Orientale Del Nord di Pianificazione Aziendale delle Università.