Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Perché gli inibitori COX-2 come Vioxx possono causare gli attacchi di cuore ed i colpi

La nuova ricerca rivela perché gli inibitori COX-2 come Vioxx possono causare gli attacchi di cuore ed i colpi.

I ricercatori ritengono che i loro risultati, pubblicati nell'emissione di dicembre della federazione delle società americane per il giornale sperimentale di biologia (FASEB), potrebbero permettere allo sviluppo delle terapie migliori che non hanno questi effetti collaterali.

Gli inibitori COX-2 soprattutto sono usati per trattare il dolore nei termini quale l'artrite. Funzionano bloccando l'enzima COX-2, che è espresso ai siti di infiammazione ed è alla base della produzione degli ormoni chiamati prostaglandine che gonfiano le giunzioni e causano la sensibilità del dolore.

Il nuovo studio, dai ricercatori dall'istituto universitario imperiale Londra e la scuola di medicina e l'odontoiatria di Queen Mary, rivela quello sebbene gli inibitori COX-2 mirino soltanto a COX-2, essi egualmente inibisce l'enzima COX-1 all'interno delle celle endoteliali che allineano tutti i vasi sanguigni.

COX-1 in queste celle prepara la prostaciclina, che assottiglia il sangue. Dove questo è inibito c'è una maggior probabilità di coagulazione di sangue, che, se le droghe sono usate regolarmente, può aumentare il rischio di attacchi di cuore e di colpi.

Prima dello studio, molti in comunità scientifica hanno creduto che gli effetti secondari degli inibitori COX-2 fossero causati inibendo COX-2 nell'endotelio e che questo stava diminuendo la produzione degli agenti d'assottigliamento.

I ricercatori non hanno trovato prova per l'esistenza di COX-2 nell'endotelio, significante che gli scienziati possono ora lavorare alle terapie di sviluppo che ancora mirano a COX-2 ma che non abbia l'influenza avversa su COX-1 in celle endoteliali.

I ricercatori hanno trovato che gli inibitori COX-2 hanno avuti soltanto un effetto contrario significativo su COX-1 nell'endotelio e non su COX-1 in altre aree quali le piastrine nel sangue. Ciò piombo loro credere che ci sia qualcosa circa l'ambiente cellulare nell'endotelio che rende COX-1 in quell'area vulnerabile agli inibitori COX-2.

Il professor Jane Mitchell, uno degli autori dello studio dall'istituto nazionale del polmone e del cuore all'istituto universitario imperiale Londra, ha detto: “Gli inibitori COX-2 possono avere notevoli vantaggi per i pazienti che soffrono dai termini quale l'artrite. Tuttavia, il problema è che il loro uso sembra associato con un rischio aumentato di attacchi di cuore. La nostra nuova ricerca è emozionante perché significa che possiamo lavorare agli inibitori migliori di sviluppo COX-2 che non comportano gli stessi rischi in termini di attacchi di cuore e colpi.„

Il professor Tim Warner, dall'istituto di ricerca di William Harvey all'università di Londra di Queen Mary, aggiunta: “La nostra ricerca è fondamentalmente per quanto gli inibitori COX-2 fa parte importanti della classe del nonsteroid di droghe che sono catturate universalmente da molte centinaia di milioni di pazienti. È essenziale che abbiamo una comprensione vera dei loro siti di atto in moda da poterci produrre noi le nuove droghe sicure ed efficaci per anni di venire. Questa ricerca ci aiuterà a definire tali nuove droghe.„

I ricercatori hanno raggiunto le loro conclusioni dopo avere analizzato i vasi sanguigni umani donati, il sangue e le celle. Questa ricerca è stata costituita un fondo per dalle fondamenta britanniche del cuore, dal governo spagnolo e da una concessione della Comunità Europea FP6.