Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Tosse Cronica e rischio di mezzi della flemma maggior di sviluppare malattia polmonare ostruttiva cronica

I Giovani adulti (età 20 - 44) con la funzione polmonare normale che più successivamente si sviluppano tosse cronica e flemma hanno un elevato rischio quadruplo di sviluppare la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD).

I risultati di questo studio respiratorio di dieci anni compaiono nella prima emissione per Il gennaio 2007 del Giornale Americano della Medicina Respiratoria e Critica di Cura, pubblicato dalla Società Toracica Americana.

L'AIZ Cerveri, M.D., della Divisione delle Malattie Respiratorie all'Ospedale di San Matteo ed Università di Pavia in Italia e 19 soci ha indicato che la presenza di tosse cronica e di flemma fra i partecipanti di studio era un indipendente e statisticamente un preannunciatore significativo di COPD. Delle 5.002 persone nel gruppo di studio, 123 sono stati diagnosticati con COPD. Tutti I partecipanti hanno avuti funzione polmonare normale al riferimento.

COPD è la quarta causa della morte principale negli Stati Uniti, mortali 122.283 Americani nel 2003. Deriva dalla bronchite cronica e dall'enfisema, due affezioni polmonari che frequentemente coesistono e causano l'ostruzione al flusso d'aria che interferisce con la respirazione normale. Il Fumo è la causa primaria di COPD.

“In un grande gruppo internazionale delle persone dalle età 20 - 44, l'incidenza cumulativa di dieci anni di COPD era 2,8 per cento,„ ha detto il Dott. Cerveri. “Era 4,6 per cento in adulti invecchiati 40 - 44. Ciò che trova precisa che COPD è un problema sanitario importante anche in giovani adulti che non sono considerati solitamente come al rischio. In accordo la ricerca precedente, abbiamo trovato che la progressione verso l'ostruzione del flusso d'aria è un trattamento continuo e graduale, dove i cambiamenti improvvisi sono estremamente improbabili.„

Fra il gruppo di studio, circa 77 per cento dei 123 casi di COPD erano fumatori. Nel campione complessivamente, circa 55 per cento hanno fumato.

Gli autori hanno notato i loro risultati confermano che, da una prospettiva di salute pubblica, la prevenzione di cessazione di fumo e di fumo proviene le strategie più efficaci per trattenere l'avvenimento di COPD e per diminuire il suo carico.

“I Nostri risultati indicano che la presenza di tosse cronica e di flemma non è un sintomo innocente, ma è un indicatore in anticipo dell'ostruzione del flusso d'aria,„ ha detto il Dott. Cerveri.

Oltre alla tosse ed alla flemma in partecipanti, i ricercatori hanno considerato tali fattori come il sesso, l'età, la dispnea (dispnea), le abitudine di fumare ed il livello di istruzione. Tutti I partecipanti hanno ricevuto le prove di funzione polmonare ed i workups di sangue all'inizio e alla fine dello studio.

In un editoriale sulla ricerca nella stessa edizione del giornale, J? il rgen Vestbo, M.D., dell'Ospedale Universitario di Hvidovre in Danimarca e l'Università di Manchester nel Regno Unito, ha scritto: “La virtù dello studio da DRS. Cerveri ed i colleghi si trova nella sua dimensione e così nella capacità calcolare i preventivi con l'affidabilità accettabile. A tale riguardo, aggiunge a lavoro precedente dallo stesso gruppo ed indica che l'istruzione “che 15 per cento dei fumatori svilupperanno COPD„ è sbagliata e che il rischio di vita di COPD in fumatori è significativamente più alto, probabilmente circa 35 - 50 per cento.„

È continuato: “Il valore predittivo della tosse cronica e della flemma è probabilmente più sorprendente dato il fatto che questo gruppo era giovane ed ha avuto funzione polmonare normale al riferimento.„

Il Dott. Vestbo ha concluso: “Come lo studio urta la nostra comprensione della storia naturale di COPD? Come recentemente riferito in questo giornale, ha richiesto alla comunità respiratoria tempo scrupoloso molto fare gli studi correttamente graduati in giovani adulti con metodologia sana e l'analisi avanzata. Con l'epidemiologia di COPD che cresce nell'Indagine di Funzione Respiratoria Della Comunità Europea Ed in altri gruppi di giovani adulti, possiamo ottenere una migliore maschera degli eventi iniziali in COPD---sebbene i nostri colleghi in epidemiologia pediatrica probabilmente continuino a sostenere che ancora stiamo esaminando soltanto “gli anziani„!„

http://www.thoracic.org