Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

a consegna mirata a basata Dendrimer di un sensore apoptotic in cellule tumorali

Intraprendendo una tappa critica verso lo sviluppo di un agente anticancro del nanoscale multifunzionale che può individuare il cancro, trattilo e poi riferisca sul successo o l'errore di quel trattamento, ricercatori all'università del Michigan ha sviluppato un sensore del nanoscale della morte delle cellule.

Questo sensore è costruito sulla stessa piattaforma polimerica biocompatibile del dendrimer che questo gruppo di ricerca già ha utilizzato ai tumori dell'ossequio e di immagine.

Riferendo il loro lavoro nel giornale Biomacromolecules, James Baker, il Jr., M.D. ed i suoi colleghi hanno descritto un approccio novello per usando i dendrimers per individuare il apoptosis, morte programmata delle cellule avviata dagli agenti anticancro. Il panettiere, che in primo luogo ha cominciato a sviluppare i dendrimers come piattaforme multifunzionali della consegna della rappresentazione e della droga del nanoscale come componente del programma non convenzionale delle innovazioni dell'istituto nazionale contro il cancro, piombo una delle associazioni della piattaforma di nanotecnologia del Cancro del NSC.

La maggior parte dei approcci per individuare il apoptosis per contare sul annexin umano V, che della proteina lega ad una componente nascosta della membrana cellulare hanno rivelato nelle fasi iniziali del apoptosis. Il gruppo del panettiere ha adottato un approccio differente, cercante l'aspetto di una proteina chiamata caspase-3, un enzima attivato presto nel trattamento di apoptosis. Questo enzima fende l'obbligazione fra due amminoacidi specifici - la valina e l'acido ed i ricercatori aspartici hanno sfruttato questa specificità per progettare alle le analisi basate a fluorescenza per caspase-3. Queste analisi usano un trattamento fisico chiamato trasferimento di energia di risonanza di flourescence, o il CERCHIO, che genera un segnale fluorescente luminoso soltanto quando un legame chimico specifico si rompe. In questo caso, il flourescence compare soltanto quando caspase-3 rompe un'obbligazione valina-aspartica dell'acido in un substrato specialmente progettato per questo enzima.

Per creare il loro rivelatore tumore-specifico di apoptosis, i ricercatori hanno fissato l'acido folico ed il substrato caspase-3 ad un cosiddetto dendrimer di PAN AM. L'acido folico funge da agente d'ottimizzazione, legante ad un acido folico che molti tipi di celle del tumore producono in abbondanza. Quando i ricercatori hanno aggiunto questo dendrimer alle celle apoptotic del tumore che sopportano questo ricevitore dell'acido folico, le celle hanno preso il dendrimer ed hanno stato flourescenti brillantemente. Al contrario, le celle apoptotic che mancano del ricevitore dell'acido folico non hanno stato flourescenti.

I ricercatori notano che hanno sviluppato di recente un'unità di fibra ottica capace di rilevazione delle emissioni del CERCHIO in tumori. Hanno utilizzato questa unità per quantificare il apoptosis in mouse in tensione con i tumori che sopportano il ricevitore dell'acido folico.

Questo lavoro, che è stato supportato da Alliance del NSC per nanotecnologia nel Cancro, è dettagliato in un documento nominato, “alla la consegna mirata a basata Dendrimer di un sensore apoptotic in cellule tumorali.„ Un estratto di questo documento è disponibile con PubMed. Estratto di visualizzazione.