Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Collegamento fra l'agente di contrasto di MRI e la fibrosi sistematica nephrogenic

La nuova ricerca ha indicato un'associazione possibile fra un agente popolare (MRI) di contrasto di imaging a risonanza magnetica e l'incidenza di una malattia rara chiamata fibrosi sistematica nephrogenic (NSF) in pazienti con la malattia renale, secondo comparire editoriale nell'emissione di marzo della radiologia.

“Raccomandiamo di evitare l'uso del gadodiamide in pazienti con qualsiasi laurea della malattia renale,„ ha detto Phillip H. Kuo, M.D., il Ph.D., professore clinico di aiuto di radiodiagnostica alla scuola di medicina di Yale University a New Haven, connett. “A questo punto, la manifestazione di dati la vasta maggioranza delle casse del NSF è associata chiaramente con l'uso del gadodiamide.„

Il NSF, un disordine sistematico emergente caratterizzato da fibrosi diffusa del tessuto, è stato diagnosticato in pazienti che erano precedentemente gadodiamide amministrato (Omniscan) ed altri a agenti basati gadolinio di contrasto di MRI. Mentre la causa precisa del NSF è sconosciuta, il disordine è stato osservato soltanto in pazienti con la malattia renale, particolarmente quelli che richiedono la dialisi.

“Finora, il NSF è stato riferito soltanto in pazienti con insufficienza renale,„ il Dott. Kuo ha detto. “Gli agenti di contrasto del gadolinio non sembrano causare il NSF in pazienti con la funzione normale del rene.„

I pazienti con il NSF avvertono un aumento del collageno nei tessuti, causare l'ispessimento e l'indurimento dell'interfaccia delle estremità e spesso con conseguente immobilità ed il rafforzamento o la deformità delle giunzioni. Il NSF può svilupparsi rapido e può provocare pazienti che diventano costretti sulla sedia a rotelle appena in alcune settimane. In alcuni casi, c'è partecipazione di altri tessuti, compreso i polmoni, il cuore, il diaframma, l'esofago ed il muscolo scheletrico. Nessuna coerente efficace terapia esiste.

Circa 400 casse del NSF sono state riferite universalmente. Mentre ad agenti basati gadolinio definitivo non sono stati indicati per causare il NSF, altrettanto poichè 90 per cento dei pazienti conosciuti del NSF precedentemente avevano ricevuto il gadodiamide e un'indagine recente di circa 100 pazienti del NSF ha rivelato che più di 95 per cento sono stati esposti ad un agente del gadolinio entro due - tre mesi prima dell'inizio di malattia. L'altra prova che collega il gadolinio con il NSF include il gadolinio residuo in una biopsia dell'interfaccia di un paziente del NSF 11 mese dopo che l'agente di contrasto è stato amministrato.

Gli studi che studiano la relazione fra il NSF ed il gadolinio sono corrente in corso a Yale come pure ai centri per controllo di malattie, gli Stati Uniti Food and Drug Administration (FDA) e le agenzie regolarici mediche dell'Unione Europea. Nel frattempo, FDA consiglia l'uso ammonitore di tutti gli a agenti basati gadolinio di contrasto in pazienti con il moderato alla malattia renale avanzata.

“Mentre apprezzo l'approccio conservatore di FDA,„ il Dott. Kuo ha detto, “i miei colleghi ed io siamo interessati che ampliare l'avviso a milioni di pazienti con soltanto la malattia renale moderata potrebbe avere un impatto negativo su cura paziente.„

Il Dott. Kuo ha notato quello soltanto tre per cento dei pazienti con insufficienza renale che sono dati gli agenti del gadolinio svilupperanno il NSF e che una stragrande maggioranza delle casse riferite del NSF è legata specificamente al gadodiamide. “Quel lascia una grande percentuale dei pazienti che possono trarre i vantaggi di una scansione contrasto-migliorata senza sviluppare il NSF,„ lui ha detto.

Il Dott. Kuo e colleghi raccomanda di non utilizzare il gadodiamide nei pazienti con la malattia renale, ma ha precisato che ci sono circostanze dove i vantaggi di altri a agenti basati gadolinio superano i rischi in peso.

“MRI con contrasto è semplicemente il migliore esame in molte situazioni,„ il Dott. Kuo ha detto. “Si deve domandarsi se escludere tantissimi pazienti con insufficienza renale moderata dal migliore esame arrecasse più danni che buoni.„