Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori svegliano i virus dentro i tumori all'immagine e poi distruggono i cancri

I ricercatori hanno trovato un modo attivare i virus di Epstein-Barr dentro i tumori come modo identificare i pazienti di cui l'infezione può poi essere manipolata per distruggere i loro tumori. Dicono che questa strategia potrebbe offrire un modo novello di trattamento dei molti cancri connessi con Epstein-Barr, comprendente almeno quattro tipi differenti di linfoma e di cancri rinofaringei e gastrici.

Nell'emissione del 1° marzo di ricerca sul cancro clinica, un gruppo dei radiologi e gli oncologi dagli istituti ospedalieri di Johns Hopkins descrivono come hanno usato due agenti già sul servizio - uno di cui è la droga Velcade di mieloma multiplo - per illuminare i virus di tumore su una gamma camera. La tecnica è la prima nel nuovo campo della rappresentazione in vivo molecolare-genetica che non richiede i tumori transfecting con un gene “del reporter„, gli scienziati dice.

“La bellezza di questa è che non dovete presentare alcun reporter che geni nel tumore perché sono già là,„ dice il radiologo Martin G. Pomper, M.D., Ph.D. “questo è il solo esempio conosciamo di dove è possibile all'immagine l'espressione genica endogena attivata senza deve celle del transfect.„

Vari sangue e cancri solidi sono più probabili accadere nella gente che è stata infettata con il virus di Epstein-Barr (EBV), ma non ognuna con questi cancri ha tali infezioni. Per coloro che fa, i ricercatori, quali l'oncologo di Hopkins ed il co-author Richard F. Ambinder, M.D., Ph.D., lavorare ai modi attivare il ciclo riproduttivo e o “litico„, all'interno del virus per farlo ripiegare all'interno della cella del tumore. Quando abbastanza particelle virali sono prodotte, il tumore scoppierà, rilasciando il virus. Negli esperimenti sugli animali, questa terapia sperimentale, chiamata terapia di induzione litica, provoca la morte del tumore.

Come il primo punto in questo studio, i ricercatori hanno schermato un'ampia varietà di droghe per vedere se qualsiasi di loro potesse rianimare il virus. Erano fortunate in quell'dei geni che è espresso sopra induzione litica virale è chinasi della timidina di EBV (EBV-TK), un enzima che aiuta il virus a cominciare a riprodurrsi. Questa chinasi è di interesse perché i ricercatori conoscono la sua chinasi “della sorella„, quello prodotto dal virus Herpes simplex, può essere imaged da un prodotto chimico radioattivo iniettato (FIAU), che può poi essere imaged facendo uso di una gamma camera.

“Per eseguire la rappresentazione molecolare-genetica, abbiamo dovuto sempre infettare le celle con il virus Herpes simplex attivo in moda da poterle ripiegare essi, il TK preciso e soltanto poi potremmo noi usiamo l'elemento tracciante di FIAU per incitare le celle a illuminarci,„ Pomper dice. “Così stavamo sperando di trovare un modo girare il virus di Epstein-Barr latente sopra in questi cancri ed usiamo la chinasi che della timidina poi produce per permetterci di vedere i tumori virus-associati con FIAU radioattivo.„

I ricercatori hanno schermato 2.700 agenti finché non colpissero sopra Velcade, una droga mirata a della chemioterapia già approvata per uso in mieloma multiplo. “Eravamo sia sorpresi che fortunato,„ dice. “Velcade è un inibitore proteasome, ma egualmente induce il ciclo litico quindi che attiva il TK nel virus di Epstein-Barr. Una volta che il TK è attivato, possiamo immagine i tumori.„

Per verificare i loro risultati, i ricercatori hanno utilizzato i mouse che portano il linfoma di Burkitt umano, un cancro connesso spesso con l'infezione virale di Epstein-Barr. I tumori hanno emesso luce in mouse dati Velcade seguito da un'iniezione di FIAU, ma non in mouse che non sono stati dati Velcade. I mouse di cui il linfoma di Burkitt non ha contenuto il virus di Epstein-Barr egualmente non hanno risposto a Velcade o a FIAU, secondo i ricercatori.

“Velcade ha svegliato il virus nei tumori, che hanno aumentato il caricamento virale dalla volta 12, tutto l'attimo che a gomito fuori il TK,„ Pomper dice. “Un'iniezione di FIAU ha reso facili all'immagine i tumori con il virus in loro.„

Il metodo è altamente sensibile, dice: soltanto cinque per cento delle celle all'interno della massa tumorale hanno dovuto essere incitati nel ciclo litico per essere individuato.

Non solo può FIAU illuminare i tumori, può anche potenzialmente ucciderli, Pomper dice. Per gli scopi della rappresentazione, FIAU può portare un radionuclide che emette un fotone di gamma di energia bassa, ma può anche essere costruito per portare i radionuclidi terapeutici, che sono letali alle celle in cui il TK è attivato.

I risultati di questo studio indica che questa strategia potrebbe applicarsi ad altri virus connessi con i tumori e che altre droghe possono potenzialmente essere usate per attivare questi virus, Pomper dice. “Velcade è soltanto uno di una schiera di nuovo come pure gli agenti più anziani, che possono indurre l'infezione litica e un agente particolare potrebbero essere adattati per uso in un paziente specifico con la rappresentazione,„ dice.

Lo studio è stato costituito un fondo per dall'istituto nazionale contro il cancro.