Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli scienziati collaudano “l'arma segreta„ contro i tumori

Gli scienziati BRITANNICI di ricerca sul cancro a Glasgow hanno inventato un nuovo metodo di cellule tumorali di attacco. Riferiscono i risultati nel giornale di ricerca clinica.

Un gruppo degli scienziati dall'istituto di Beatson per ricerca sul cancro ha dato a mouse un prodotto chimico che ha indotto le cellule tumorali a commettere il suicidio, rallentante significativamente la crescita dei tumori che stavano portando. La scossa chimica ha iniziato un gene chiamato p73 che determina la morte di cellula tumorale.

Ciò la ricerca iniziale ha potuto aprire la strada affinchè un nuovo agente fermi la crescita dei tumori. I ricercatori suggeriscono che quello inviare la proteina - 37AA chiamato - direttamente nella circolazione sanguigna facendo uso di un delivery system “di nanoparticella„ potrebbe essere un modo potenziale trovare ed uccidere le cellule tumorali che si sono sparse come pure quelli nel tumore primario.

In ulteriori ricerche di laboratorio il gruppo di ricerca ha trovato che il prodotto chimico potrebbe uccidere parecchi tipi di cellule tumorali - compreso le celle cervicali e di osso delle viscere.

Piombo il Dott. Kevin Ryan, un ricercatore senior BRITANNICO del ricercatore di ricerca sul cancro e la testa del laboratorio di morte di cellula tumorale all'istituto di Beatson, ha detto: “Il nostro studio ha indicato per la prima volta che l'attivazione selettiva di un gene chiamato p73 può causare la morte delle cellule in tumori. Pensiamo che questo approccio abbia il potenziale di essere diventato un efficace trattamento per cancro.„

Il gene p73 è collegato con p53 - uno dei geni più importanti conosciuti per proteggere dallo sviluppo di cancro. p53, conosciuto come “il guardiano del genoma„, in primo luogo è stato identificato dagli scienziati BRITANNICI di ricerca sul cancro a Londra.

p53 è danneggiato nella vasta maggioranza dei cancri in modo dagli scienziati attraverso il globo stanno cercando i modi riparare il gene come modo di trattamento della malattia. Tuttavia, in alcuni cancri, p53 è danneggiato in tal modo che la sua funzione non può essere riparata. p73 è un obiettivo alternativo di promessa perché è raramente difettoso nei cancri umani.

Il Dott. Ryan ha aggiunto: “Precedentemente abbiamo pensato che p73 fosse appena “un socio occulto„ di p53, in modo da siamo realmente emozionanti che abbiamo trovato un modo sfruttare la sua funzione per trattare il cancro. Mentre i nostri studi sono ancora in una fase preliminare, la fase prossima di nostro lavoro sta andando mettere a fuoco sullo sviluppare una droga che imita l'effetto della proteina 37AA. Speriamo che questa strategia potrebbe poi essere provata più prontamente a suo sviluppo potenziale in tumori umani.„

Il professor JIM Cassidy, la presidenza del Regno Unito di ricerca sul cancro dell'oncologia medica in Scozia ha detto: “Questo pezzo affascinante di ricerca di base ha provocato un trattamento sperimentale che può indurre i tumori maligni a smettere di crescere. Nelle prove di laboratorio ha ucciso un intervallo delle cellule tumorali differenti. Aspettiamo con impazienza di vedere se inserirsi p73 può tradurre in trattamento per i pazienti.„