Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Vaccino di tumore cerebrale di Stanford da provare nazionalmente

Quando Susan Wright ha imparato che ha avuta un tipo di interno, il tumore al cervello rapido crescente all'età 46, i suoi medici all'università di Florida gli ha detto che non avrebbe vissuto più di 18 mesi.

Tre anni più successivamente, Wright è ancora vivo, guida la sua bici e spende la canoa dei giorni su un fiume locale. “Non posso fare le cose al livello a cui ho usato, ma sono ancora qui,„ ha detto.

Wright ed i suoi medici attribuiscono la sua sopravvivenza in parte ad un nuovo vaccino, sviluppato da un ricercatore alla scuola di medicina di Stanford University, per trattare il suo tumore cerebrale aggressivo chiamato glioblastoma. Sebbene i suoi medici in Florida non abbiano accesso al vaccino, hanno inviato Wright alla Duke University dove ha passare l'anno prossimo che riceve il trattamento sperimentale in un test clinico.

“Mi ricordo che come momento di grandi salubrità ed ottimismo,„ ha detto. Tuttavia, Wright non è stato essiccato e da allora ha avuto una ricaduta ed è sulla chemioterapia. Ma anche con la ricaduta, il vaccino ha aiutato Wright ha vissuto più lungamente della maggior parte dei pazienti di glioblastoma, che hanno un tasso di sopravvivenza medio di di meno che un anno.

Ora il vaccino sarà analizzato a Stanford come pure altro colloca in tutta la nazione. Originalmente sviluppato da Albert Wong, il MD, professore di neurochirurgia ed il membro del centro completo del Cancro di Stanford, risultati finora stanno promettendo abbastanza per stimolare 20 una prova concentrare promossa da Celldex, la società con sede in New Jersey che sviluppa la terapia. Wong ha azione in Celldex ed è un consulente per la società.

Il vaccino già sta attirando l'interesse ed è preveduto per essere descritto durante “la radiodiffusione di Evening News di CBS„ del 22 marzo in un rapporto dall'ancora Katie Couric.

Stanford pensa cominciare ad iscrivere i pazienti alla prova ad aprile. Per Wong, l'inizio di questa prova è il risultato di un interesse lungo carriera nel vaccino e nella maturazione del glioblastoma. “Quando sentite parlare della gente che è diagnosticata con il tumore al cervello e morendo parecchi mesi successivamente, quello è solitamente glioblastoma,„ ha detto. Tutto il trattamento che migliora il tempo di sopravvivenza nella gente con la malattia è un miglioramento significativo, ha detto.

Soltanto 3 per cento della gente con il glioblastoma sopravvivono a cinque anni, con la sopravvivenza media che ha luogo appena al di sotto di un anno. La malattia resiste al trattamento con la chemioterapia e la radiazione e si sparge così efficacemente in tutto il cervello che un chirurgo può non di più non eliminare ogni cella che un mangiatore difficile potrebbe eliminare ogni bit di formaggio da una casseruola.

Il vaccino è risultato da una scoperta 1992 Wong fatto mentre era un collega postdottorale alla Johns Hopkins University. Ha trovato che in molti glioblastomas le celle sono punteggiate con un modulo insolito di una proteina comune chiamata recettore del fattore di crescita dell'epidermide, o EGFR. Sebbene il gene per quello proteina alterata non contenga alcune mutazioni, le celle tagliano inexplicably fuori parecchi bei pezzi a pezzi della proteina normale prima della costituzione sulla loro superficie delle cellule. Ha nominato questo EGFRvIII variabile insolito perché era la terza variante che aveva scoperto.

Qualche cosa che renda un sembrare delle cellule del tumore differente dal tessuto circostante intriga i ricercatori che sperano di sviluppare le maturazioni. In questo caso, Wong ha pensato che potrebbe dirigere il sistema immunitario per attaccare le celle che portano EGFRvIII amministrando un vaccino. Le celle immuni attivate che derivano dal vaccino trascurerebbero le versioni normali di EGFR su altre celle noncancerous in tutto l'organismo, attaccanti soltanto il cancro.

Nel lavoro successivo, Wong ha rend contoere che altri tumori solidi - come quelli nel polmone, nella prostata e nell'ovaia - egualmente mettono in mostra EGFRvIII. Ciò lo ha incitato a pensare che un vaccino che attacca la proteina insolita potrebbe essere ampiamente utile nel trattamento dei questi tumori.

In mouse, il vaccino lavorato esattamente Wong aveva sperato. Sulla base di quel successo, i colleghi all'università di Washington hanno iniziato una piccola prova phase-1 per analizzare il vaccino in pazienti con ovarici e carcinoma della prostata che contengono EGFRvIII. Ciascuno di quei pazienti ha mostrato una risposta al vaccino, ma finora non abbastanza tempo è trascorso per sapere se ha prolungato le loro vite.

I colleghi di Wong alla Duke University hanno iniziato un'altra piccola phase-1 prova, questo volta che analizza il vaccino nella gente con il glioblastoma. In quella prova, 14 pazienti che hanno ottenuto il vaccino hanno vissuto in media più di 21 mese. Quello ancora non è considerato una maturazione, ma è un miglioramento significativo sopra il tasso di sopravvivenza tipico.

In una prova di seguito phase-2 di 23 pazienti in cui i ricercatori di duca partnered con i colleghi al centro del Cancro di M.D. Anderson, la sopravvivenza media sono andato su a circa 30 mesi a causa di alcuni cambiamenti in come i medici hanno consegnato il vaccino e nei tipi di pazienti selezionati riceverlo. La prova precedente ha avuta accettato tutti i pazienti di glioblastoma, mentre soltanto pazienti accettati questo di cui i tumori hanno fatto EGFRvIII. Quella era la prova a cui Wright ha partecipato. I risultati da entrambe le prove saranno pubblicati nell'anno prossimo.

La prova phase-2 che si apre a Stanford comprenderà una più grande prova di 81 paziente- del vaccino fin qui. Come la prova precedente phase-2, questa iscriverà soltanto i pazienti di cui i tumori producono la proteina alterata.

Per la sua parte, le speranze di Wright quella gente avvertono la stessi risposta e buona salute che del tumore ha ritenuto mentre sul vaccino. “È il solo trattamento che ho avuto dove non ho percepito effetti secondari,„ Wright ho detto. “Era realmente un'esperienza meravigliosa.„