Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Valutazione di MRI del petto controlaterale in donne recentemente diagnosticate con cancro al seno

Le scansioni (MRI) di imaging a risonanza magnetica delle donne che sono state diagnosticate con cancro in un petto hanno individuato oltre 90 per cento dei cancri nell'altro petto che sono stati mancati dalla mammografia e dall'esame clinico del petto alla diagnosi iniziale, secondo un nuovo studio.

Dato le tariffe stabilite della mammografia e degli esami clinici del petto per la rilevazione del cancro nell'opposto, o il petto controlaterale, aggiungere una scansione di MRI alla valutazione diagnostica efficacemente ha raddoppiato il numero dei cancri immediatamente trovati in queste donne. L'istituto universitario americano dello studio della rete della rappresentazione della radiologia (ACRIN), di supporto dall'istituto nazionale contro il cancro (NCI), parte degli istituti della sanità nazionali (NIH), compare nell'emissione del 29 marzo 2007 “di New England Journal di medicina„.

“Uno in dieci donne diagnosticate con cancro in un petto svilupperà la malattia nel petto opposto. Avere una migliore tecnica per trovare questi cancri prima possibile aumenterà le probabilità di riuscito trattamento,„ ha detto Direttore Elias A. Zerhouni, M.D. di NIH.

La prova di ACRIN è stata destinata per determinare se l'uso di MRI potrebbe migliorare sopra l'esame e la mammografia clinici del petto nella rilevazione del cancro al seno nel petto opposto ai tempi della diagnosi iniziale del cancro al seno. Lo studio ha reclutato 1.007 donne da 25 istituzioni che hanno avute una diagnosi recente di cancro in un petto. Di questi, 969 donne hanno terminato lo studio, che ha cominciato nell'aprile 2003. Tutte donne iscritte hanno avute un mammogramma negativo e un esame clinico negativo del petto del petto opposto nei 90 giorni prima del MRI. Dopo la ricezione del MRI, 33 cancri al seno controlaterali sono stati diagnosticati nello studio. Trenta di questi tumori, o 91 per cento, è stato diagnosticato come conseguenza di MRI. Gli altri tre cancri erano individuato dovuto le mastetomia successive. I ricercatori hanno trovato che il vantaggio aggiunto di MRI era coerente, indipendentemente dal tipo del cancro di una donna, l'età, o densità del petto. I petti densi hanno il tessuto più ghiandolare e più connettivo come pure tessuto meno grasso.

“Questo studio ci dà una più chiara indicazione che se un MRI del petto opposto è negativo, donne ha diagnosticato con cancro in soltanto un petto può scegliere più con confidenza contro avere un doppio, o bilaterale, mastetomia,„ ha detto Direttore John E. Niederhuber, M.D. di NSC.

“Possiamo ora identificare la vasta maggioranza dei cancri controlaterali ai tempi della diagnosi iniziale del cancro al seno di una donna,„ ha detto Constance Lehman, M.D., Ph.D., ricercatore principale della prova del petto MRI di ACRIN, professore della radiologia e Direttore della rappresentazione del petto alla cura del cancro Alliance di Seattle e dell'università di Washington. “Questo significa che invece di quelle donne che hanno altra diagnosi del cancro anni dopo il loro trattamento iniziale, possiamo diagnosticare e curare quei cancri al seno opposti ai tempi della diagnosi iniziale.„

I ricercatori sperano che forte capacità del petto MRI di predire l'assenza di tumore, possano evitare alcune mastetomia inutili e fornire alle donne con più riassicurazione che il petto è malattia libera. “Sebbene non ci sia nessuno strumento della rappresentazione perfetto, se il MRI è negativo, la probabilità di cancro in quel petto è estremamente - bassa. Un risultato potenziale che saremmo deliziati per vedere siamo meno mastetomia bilaterali inutili,„ ha detto Lehman.

I ricercatori sono ottimisti che ci può essere risparmio a lungo termine ai pazienti ed al sistema sanitario dovuto la capacità di MRI di individuare il cancro in entrambi i petti prima della terapia -- quale può provocare meno giri degli ambulatori del petto e della chemioterapia.

Costantina Gatsonis, Ph.D., lo statistico dello studio e Direttore del centro per le scienze statistiche, provvidenza, indice di rifrazione di Brown University, ha detto, “la dimensione e la finalità di questo studio -- quale ha seguito quasi mille donne che ricevono la cura in varie impostazioni mediche -- significa che i sui risultati sono definitivi e largamente applicabile. Le donne possono essere rassicuranti che un MRI negativo significa che la loro probabilità di avere un secondo cancro diagnosticato in un anno è minuscola.„

Per la maggior parte delle donne, il timore di una seconda diagnosi del cancro è abbastanza alto. I ricercatori sperano che il petto MRI possa migliorare la qualità di vita di una donna sia ai tempi della sua diagnosi che del seguire di anni.

Negli Stati Uniti, il cancro al seno è il cancro recentemente diagnosticato dell'non interfaccia più frequente in donne e la seconda causa principale della morte in relazione con il Cancro. Le 178.480 donne stimate saranno diagnosticate con cancro al seno e le 40.460 donne stimate moriranno della malattia nel 2007.