Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le donne con una diagnosi recente di cancro in un petto dovrebbero avere selezione di MRI del petto opposto

Le donne con una diagnosi recente di cancro in un petto dovrebbero avere selezione di MRI del petto opposto, conclude uno studio multicentrato che comprende l'università di North Carolina ai ricercatori di Chapel Hill.

Il gruppo di ricerca internazionale ha trovato che MRI, o imaging a risonanza magnetica, cancro individuato nel petto opposto in 30 di 969 donne (3,1 per cento) che recentemente erano state diagnosticate con cancro in un petto soltanto. I cancri nel petto opposto sono stati mancati dalla mammografia precedente e dall'esame clinico.

Gli autori raccomandano la selezione di MRI per le donne ad ad alto rischio per cancro al seno, coloro che già ha la malattia, recentemente è stato diagnosticato o hanno una storia della famiglia di cancro al seno. I risultati compaiono nell'emissione del 29 marzo 2007 di New England Journal di medicina.

“Questo studio è prova abbastanza definitiva che il petto opposto deve essere esaminato con MRI,„ ha detto il Dott. Etta Pisano, un ricercatore principale e professore del co-author di studio di Kenan della radiologia e dell'assistenza tecnica biomedica alla scuola di medicina di UNC. “Ma nessuno sta raccomandando che smettiamo la mammografia. La selezione di MRI è uno strumento molto costoso che dovrebbe essere utilizzato giudiziosamente per le popolazioni ad alto rischio. L'ultima cosa vorremmo è affinchè ogni donna pensi che dovrebbe ottenere un MRI,„ Pisano ha detto.

Inoltre, MRI che non individua le calcificazioni, uno dei segni più in anticipo di cancro al seno. La mammografia è il solo modo individuare le calcificazioni.

Gli studi sono stati intrapresi dall'istituto universitario americano della rete della rappresentazione della radiologia (ACRIN) a 25 aree campione negli Stati Uniti e nel Canada. L'istituto nazionale contro il cancro ha costituito un fondo per la ricerca.

Malgrado gli esami del petto e la mammografia clinici negativi del petto opposto, fino a dieci per cento delle donne più successivamente sono diagnosticati con cancro nel petto opposto dopo che comincia il trattamento per cancro al seno, lo studio ha detto. Ciò significa che i pazienti devono subire due giri della terapia del cancro (chirurgia e possibilmente radiazione e/o chemioterapia) piuttosto che una, come sia il caso se il cancro nell'altro petto fosse trovato ai tempi della diagnosi iniziale.

Sessanta per cento dei cancri scoperti da MRI erano dilaganti, con potenziale di spargersi oltre il petto. Tali tumori del petto “sono più importanti quei da trovare,„ Pisano ha detto. La dimensione di tumore media era di quasi 11 millimetro.

Pisano, Direttore del centro biomedico della rappresentazione della ricerca di UNC e un membro del centro completo del Cancro di UNC Lineberger, ha detto che la percentuale dei cancri trovati nel petto opposto era enorme. “Se doveste schermare il petto opposto con la mammografia nella popolazione in genere, pensereste trovare quattro - sette cancri per 1.000 pazienti. Questo studio ha trovato tre per 100, quasi dieci volte più alto.„

I più piccoli, studi meno rigorosi ad un singolo centro avevano suggerito che MRI individuasse i cancri altrimenti nascosti in approssimativamente 5 per cento delle donne con una diagnosi recente del cancro al seno. Ma le percentuali dei cancri supplementari hanno variato ampiamente, come ha fatto la capacità di questi studi di identificare correttamente l'assenza di cancro. Né questi studi hanno compreso seguito di un anno per determinare lo stato del cancro al seno delle donne in cui MRI non ha diagnosticato la malattia.

Il ACRIN crea la nota che i cancri supplementari individuati nel loro studio non sono stati influenzati dalla densità del petto del paziente, dallo stato della menopausa o dalla cronologia primaria del tumore.

“La ragione per la quale i petti densi sono un problema è che il tessuto si trova fra il tumore ed il rivelatore. Il raggio deve andare sebbene molto tessuto normale, che può nascondere il tumore. Ma se catturate le fette, poichè MRI fate, ottenete ad immagini a fuoco ogni pochi millimetri ed il tumore non può nascondersi,„ Pisano ha detto.