Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Esame dell'esecuzione tramite l'iniezione letale

L'esecuzione tramite l'iniezione letale può causare la morte da asfissia ed i prigionieri che sono eseguiti possono essere coscienti e possono avvertire il dolore, reclamano gli autori di nuovo studio pubblicato questa settimana nella medicina di PLoS.

Leonidas Koniaris e colleghi dall'university of miami ha valutato i dati da due stati di Stati Uniti che le informazioni della diffusione sulle esecuzioni insieme ad opera precedentemente pubblicata sulle droghe hanno utilizzato nei protocolli per le iniezioni letali. Concludono che questi protocolli non possono effettuare attendibilmente la morte attraverso i meccanismi progettati.

L'iniezione letale è utilizzata per l'esecuzione in una serie di paesi, specialmente gli Stati Uniti e Cina. I regimi correnti per l'iniezione letale negli Stati Uniti sono basati su uno elaborata dai legislatori in Oklahoma, che a sua volta sembrare essere basato sull'opinione personale piuttosto che ricerca indipendente. Le droghe usate sono un barbiturato, thiopental (che funge da anestetico, ma non ha alcun effetto analgesico), uno stampo neuromuscolare, il bromuro di pancuronium (che causa la paralisi del muscolo); e un elettrolito, cloruro di potassio (che ferma il cuore dal battere). Ciascuna di queste droghe da sè è stata intesa apparentemente da coloro che ha derivato i protocolli per essere sufficiente per causare la morte; la combinazione è stata intesa per produrre la morte dell'anestesia poi dovuto respiratorio e arresto cardiaco. A seguito di una serie di esecuzioni negli Stati Uniti, tuttavia, recentemente è diventato evidente che il regime corrente amministrato non funziona come previsto. Alcuni risoners di P richiedono molti minuti per morire ed altri sono molto afflitti.

Gli autori hanno concluso che nella forza thiopental di regime corrente per non essere interni e potrebbero anche essere insufficienti per indurre l'anestesia chirurgica per la durata dell'esecuzione e che le dosi del cloruro di potassio usate non hanno indotto attendibilmente l'arresto cardiaco. Quindi, gli interni potenzialmente informati sono probabili morire con asfissia indotta dalla paralisi del muscolo causata dal pancuronium. Gli autori concludono che anche se l'iniezione letale è amministrata senza errore tecnico, quelli eseguiti possono soffocare e quindi “la visualizzazione convenzionale dell'iniezione letale poichè una morte invariabilmente pacifica ed indolore è discutibile.„

In un editoriale relativo gli editori della medicina di PLoS discutono la loro ragione dello studio i risultati e per la pubblicazione nel giornale. Specificano che “non è la nostra intenzione incoraggiare ulteriore ricerca “migliora„ i protocolli dell'iniezione letale. Come editori di un giornale medico, dobbiamo assicurarci che la ricerca sia etica e non c'è modo etico stabilire il humaneness delle procedure per l'uccisione della gente che non desidera morire,„ e notare che “i dati presentati da Koniaris e dai colleghi aggiungano alla prova che l'iniezione letale è semplicemente il più recente in una lunga fila di metodi di esecuzione che sono stati trovati per essere disumani.„ Sostengono che la prova presentata in questo documento “più ulteriormente rinforzerà l'argomento costituzionale per l'abbandono dell'esecuzione negli Stati Uniti.„