Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori identificano i marcatori genetici connessi con il grado del tumore del cancro al seno e le metastasi di linfonodo

I Ricercatori hanno identificato i marcatori genetici su parecchi cromosomi nelle celle circostanti del tumore del tessuto che sono associate con il grado del tumore del cancro al seno e la presenza di metastasi di linfonodo, secondo uno studio nell'emissione del 16 maggio del JAMA.

Un alto livello di variabilità è osservato sia nel comportamento biologico che nel risultato clinico nel cancro al seno sporadico e questa diversità può aumentare la difficoltà nella determinazione del trattamento appropriato per un paziente, secondo informazioni di base nell'articolo. “È stato riconosciuto per le decadi che i regimi chemioterapeutici identici per la simili fase e grado in pazienti con, per esempio, cancro al seno (o virtualmente qualsiasi malignità) rispondono diversamente. Le complessità delle alterazioni genetiche nel cancro al seno possono fornire una base primaria per queste funzionalità clinicopatologiche (secondarie) conseguenti, un'idea di supporto dalle correlazioni positive priori fra determinato genotipo del cancro al seno ed il fenotipo [caratteristiche visibili di un organismo].„

L'Inglese di Charis, M.D., Ph.D., dell'Istituto Genomica della Medicina della Clinica di Cleveland, Cleveland e colleghi ha verificato l'ipotesi che le alterazioni genomiche delle cellule in stroma del tumore (le celle ed i tessuti che circondano il tumore) significativamente alterano il comportamento del tumore, come mostrato nelle funzionalità clinicopatologiche ai tempi della diagnosi. I ricercatori hanno condotto un'analisi trasversale di DNA dall'epitelio (tessuto della membrana) e da uno stroma di 220 carcinoma dilaganti sporadici primari del petto per le alterazioni genomiche. I Dati sono stati raccolti dall'ottobre 2003 al giugno 2006.

“Otto associazioni significative sono state trovate fra compartimento-specifico, perdita cromosoma-specifica di squilibrio di eterozigosi [avendo paia dissimili dei geni per qualsiasi caratteristica ereditaria] /allelic [uno di due o più moduli alternativi di un gene] [LOH/AI] e le funzionalità clinicopatologiche. Sebbene soltanto due indicatori sul cromosoma 14 nell'epitelio siano associati significativamente con tutta la funzionalità clinicopatologica affatto (in questo caso, ricevitore del progesterone), l'instabilità genomica all'interno di 7 cromosomi nello stroma dei carcinoma dilaganti primari del petto è stata associata significativamente con il grado del tumore (cromosoma 11) e la presenza di metastasi di linfonodo regionali (cromosomi 1, 2, 5, 18, 20 e 22),„ gli autori scrive.

“Questi risultati supportano un modello in cui i cambiamenti genetici in sia compartimenti stromal che epiteliali si presentano durante il tumorigenesis e la progressione codetermined da interazione locale fra queste popolazioni delle cellule all'interno del tumore primario,„ essi scrive. “come con tutto lo a studio orientato a paziente, i nostri dati dovrebbero essere convalidati, forse con le tecnologie novelle emergenti, in più ampia serie particolarmente quelli con i dati senza evento di sopravvivenza e le prove terapeutiche con seguito più lungo.„

http://jama.ama-assn.org/