Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Veterani con manualità mista estrema ed alta esposizione di combattimento cinque volte più probabilmente avere PTSD

Gli studi recenti intrapresi dai ricercatori con il Centro di Geisinger per la Ricerca di Salubrità mostrano un chiaro collegamento fra l'uso dei veterani di combattimento sia delle mani per le attività comuni che della probabilità che avvertiranno il disordine post - traumatico di sforzo (PTSD).

I veterani di Combattimento con un livello estremo di manualità mista sono quasi due volte probabili svilupparsi (PTSD) dopo il combattimento confrontato ai veterani che utilizzano spesso entrambe le mani di meno, secondo lo studio, che sta pubblicando nell'emissione di Maggio di Medicina Psicosomatica.

Lo studio egualmente ha trovato che i veterani con la manualità mista estrema e l'alta esposizione di combattimento erano quasi cinque volte più probabilmente avere PTSD che quelle con i gradi più bassi di manualità mista.

Joseph Boscarino, PhD, MPH e Stuart Hoffman, FA del Centro di Geisinger per Salubrità PTSD misurato la Ricerca e della manualità in un campione nazionale di 2.490 veterani del Vietnam esposti al combattimento.

“Questi risultati suggeriscono la possibilità di una vulnerabilità biologica preesistente per PTSD,„ ha detto Boscarino, il ricercatore principale dello studio. “Conosciamo generalmente che tipo di soldato è probabile soffrire da PTSD, prima che entrino in combattimento.„

Mentre altri studi sulla manualità e su PTSD hanno dato risultati simili, quegli studi priori erano troppo piccoli per trarre le conclusioni significative. Lo studio approfondito di Boscarino ha esaminato un gruppo di pazienti molto più grande e quindi i risultati sono più applicabili ad un grande gruppo di veterani.

“Dato la ricerca, potrebbe essere utile schermare la gente che fornisce le occupazioni ad alto rischio quale i militari per la manualità,„ Boscarino ha detto. “Se la prevagliatura non accade, la comunità di sanità dovrebbe assicurarsi almeno che questa gente ricevi la guida adeguata dell'esposizione di sforzo del posto.„

Nell'odierno contesto, anche gli interventi psicosociali del riassunto per personale militare che ritorna dall'Irak e Afghanistan hanno potuto diminuire significativamente il rischio di PTSD, hanno detto Boscarino, un veterano egli stesso di combattimento del Vietnam.

Sebbene la terapia necessariamente non debba essere estesa, dovrebbe accadere poco tempo dopo che una persona ha avvertito un evento traumatico quali il combattimento o un disastro naturale. Il Trattamento può essere critico ad evitare la depressione, problemi riferiti di abuso di sostanza e di PTSD che seguono tali esposizioni, Boscarino ha detto.

È stato teorizzato che la gente con un poco grado di lateralization cerebrale, come misurato dalla manualità mista, avrebbe una maggior probabilità di sviluppare PTSD. Ciò è perché l'emisfero del cervello giusto è creduto per essere significativo nell'identificazione di minaccia e nel regolamento delle risposte di emozione.

La Gente con il lateralization cerebrale diminuito per il linguaggio, come indicizzato dalla misto-manualità aumentata, era probabilmente più sensibile alla minaccia percepita ed alle emozioni inclini di esperienza la più intensità. Ciò era perché la loro organizzazione cerebrale è stata pensata per dare il primato ai contributi di giusto emisfero nei processi conoscitivi.

“Che Cosa abbiamo trovato siamo un collegamento conclusivo vicino fra la manualità e la predisposizione di una persona verso PTSD,„ Boscarino ha detto. “Questi risultati possono essere utili nell'attenuazione degli alcuni dei risultati avversi connessi con le esposizioni traumatiche del fattore di sforzo.„

http://www.geisinger.edu