Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Collegamento fra l'infezione delicata e la apnea hypoxic

La Apnea e la morte in culla (SIDS) rappresentano le preoccupazioni mediche importanti nella popolazione neonatale e l'infezione può svolgere un ruolo cruciale in loro patogenesi.

Gli Scienziati all'università medica Svedese Karolinska Institutet ora hanno esposto un meccanismo per come l'infezione delicata può causare la apnea e la morte dovuto ipossia in neonati.

I Loro risultati, che sono pubblicati nel giornale scientifico PNAS, in gran parte sono basati sugli studi del mouse, sebbene gli studi clinici su scala ridotta sui bambini neonati nella cura neonatale egualmente siano stati intrapresi.

I Ricercatori al Ministero della Donna e della Salute dei bambini hanno stabilito che un enzima (mPGES-1) nella barriera ematomeningea fosse attivato sull'infezione, stimolante a sua volta la secrezione della prostaglandina E2, una sostanza del segnale, vicino ai centri respiratori del tronco encefalico. Se l'organismo è temporaneamente hypoxic, è questa area del tronco cerebrale che induce boccheggiare compensativo. Nel caso il soffocamento temporaneo, quindi, un'inibizione delle cellule nervose nel centro respiratorio, via PGE2, in persone vulnerabili ha potuto piombo ad una risposta, ad un'ipossia e, nel peggiore dei casi, ad una morte respiratorie diminuite.

“È possibile che questi risultati possano spiegare l'associazione fra l'infezione, l'infiammazione e la sindrome delicate di Morte in culla„, dice il Dott. Eric Herlenius, la guida dello studio. “Come l'infezione può pregiudicare la respirazione di Comprensione ci permetterà di introdurre i nuovi metodi migliori per il video, la diagnosi ed il trattamento dei bambini neonati„.

Il gruppo di ricerca ora intraprenderà gli studi clinici su più vasta scala in collaborazione con l'Ospedale Universitario di Karolinska.

http://www.ki.se