Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trattamento umano della cellula staminale ripara la funzione di motore in ratti paralizzati

I ratti hanno paralizzato dovuto perdita di flusso sanguigno alla spina dorsale restituita alla funzione ambulatoria quasi normale sei settimane dopo la ricezione degli innesti delle cellule staminali spinali umane (hSSCs), ricercatori dall'università di California, rapporto della scuola di medicina di San Diego (UCSD).

Lo studio, piombo dalla Marsala di Martin, M.D., professore di Uc San Diego di anestesiologia, è pubblicato nell'emissione del 29 giugno 2007 della neuroscienza del giornale, che ora è online.

“Abbiamo dimostrato che quando il danno ha accaduto dovuto una perdita di flusso sanguigno alle celle neurali della spina dorsale, innestando le cellule staminali neurali umane direttamente nel midollo spinale possiamo raggiungere un ripristino progressivo della funzione di motore,„ abbiamo detto la Marsala. “Questo ha potuto un certo giorno risultare essere un efficace trattamento per i pazienti che soffrono dallo stesso genere da di paralisi indotta da ischemia.„ La Marsala corrente sta verificando la terapia di cellula staminale umana a sicurezza e ad efficacia in altri modelli dell'animale e le speranze muoversi verso i test clinici in esseri umani dall'anno prossimo.

La paraplegia da ischemia del midollo spinale è una complicazione seria che si presenta in 20 - 40 per cento dei pazienti che subiscono un trattamento chirurgico chiamato inter-pressione aortica. Quando il chirurgo lavora all'aorta, un vaso sanguigno importante, correggere un aneurisma potenzialmente letale, flusso sanguigno dal cuore deve temporaneamente essere bloccato con un morsetto. Dopo 30 minuti, questa mancanza di flusso sanguigno può provocare la morte dei neuroni specializzati del midollo spinale chiamati neuroni inibitori spinali, piombo alla spasticità ed alla rigidità irreversibili, o la perdita di controllo di muscolo, negli arti inferiori, anche se il midollo spinale è intatto.

“La differenza importante fra ischemia del midollo spinale ed il trauma del midollo spinale, come potrebbe accadere in un'immersione subacquea o l'incidente stradale, è quello nel modello di ischemia, nessun danno meccanico si è presentato al midollo spinale,„ ha detto la Marsala. “I centri del motore del cervello e del midollo spinale ancora parzialmente sono connessi, ma c'è stato una perdita selettiva di neuroni inibitori nel midollo spinale. Poiché queste celle sono necessarie per attività motoria coordinata, i nostri scopi della ricerca per sostituire questi neuroni persi innestando le nuove cellule staminali spinali, che repopulates il raggruppamento dei neuroni degenerati.„

Per questo studio, nove di 16 ratti con ischemia indotta del midollo spinale sono stati iniettati con le cellule staminali spinali umane il 21 giorno dopo la paralisi. Gli altri sette sono stati iniettati con il media che non ha contenuto cellule staminali. Il ripristino della funzione di motore è stato valutato negli intervalli di sette giorni, mostranti un ripristino progressivo delle funzioni ambulatorie nei ratti che hanno ricevuto le cellule staminali.

Tre dei nove ratti iniettati con i hSSCs hanno ritornato alla camminata a sei settimane e tre altri avevano migliorato la mobilità in tutte le giunzioni dell'estremità inferiore. Tutti e nove gli animali hanno innestato con i hSSCs hanno raggiunto i punteggi significativamente migliori del motore che quelli nel gruppo di controllo ed hanno mostrato una presenza coerente di celle trapiantate nell'area spinale. In tutti i ratti ha innestato con le cellule staminali, la maggior parte delle cellule staminali spinali umane trapiantate superstiti a e si è trasformato in in neuroni maturi, secondo la Marsala. I secondi studi sono stati intrapresi su un periodo di tre mesi, con risultati simili.

“Altri trapianti della cellula staminale umana nel midollo spinale hanno messo a fuoco sulla riparazione delle celle diformazione,„ ha detto il co-author Karl Johe, un ricercatore a Neuralstem, la società che fabbrica i hSSCs utilizzati nello studio. “a questo studio, siamo riuscito a ricostruire i circuiti neurali, che non erano stati fatti già.„

I ricercatori ritengono che la terapia possa finalmente essere ancor più efficace provato in pazienti umani, che potrebbero ricevere la terapia fisica trattata una volta.

“La terapia fisica può accelerare l'integrazione delle cellule staminali innestate e migliorare il loro vantaggio terapeutico,„ Johe ha detto, aggiungendo che lo scopo è di fornire un aumento significativo della mobilità funzionale dei cosciotti del paziente.

Configurazioni di questo studio sul lavoro precedente della Marsala in ratto modella facendo uso delle cellule staminali di un neurone umane, pubblicate nell'ottobre 2004 nel giornale europeo delle neuroscienze. In quello studio, la funzione di motore significativamente migliore, misurata tramite una soppressione dei movimenti spastici e del tono di muscolo migliore, è stata indicata in 40 - 50 per cento degli animali esaminati. Uno studio post mortem di quegli animali ha mostrato una maturazione robusta dei neuroni e un aumento nell'espressione dei neurotrasmettitori inibitori nei midolli spinali dei ratti che hanno ricevuto le celle di un neurone trapiantate.

Il trattamento corrente per spasticità debilitante del muscolo è i trattamenti sistematici o spinali continui della droga facendo uso delle pompe impiantate. Questi approcci, mentre efficaci ad un grado, sono accompagnati spesso dagli effetti secondari e dalla tolleranza di droga finale che diminuisce la loro efficacia.

“Questi risultati della ricerca potrebbero offrire la grande speranza alla gente con la lesione ischemica spinale che soffre da spasticità e da rigidità risultanti,„ hanno detto la Marsala.