Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il collegamento di Mercurio alla malattia di cuore

I metalli pesanti ed altre tossine sono stati collegati a molte malattie umane, ma determinare esattamente come danneggiano l'organismo rimane un mistero in molti casi.

Nuova messa a fuoco di ricerca relativamente su un oscuro, la proteina compresa male suggerisce che il collegamento del mercurio alla malattia di cuore possa essere rintracciato all'attivazione di questo enzima, che avvia un trattamento che piombo all'accumulazione della placca in pareti del vaso sanguigno.

Lo studio ha esaminato tre moduli di mercurio, abbinanti le sue caratteristiche nell'ambiente. Ogni modulo di mercurio ha causato i cambiamenti nel comportamento delle celle che allineano le pareti del vaso sanguigno e che possono piombo alle malattie cardiovascolari.

Lo studio egualmente suggerisce quella terapia di chelazione, un trattamento che elimina i metalli dall'organismo e gli antiossidanti entrambi danno segni di soppressione della questa attività e potrebbero essere chiave a metalli pesanti di diminuzione il danno causato da mercurio e e possibilmente altri.

La ricerca è stata pubblicata in un'edizione recente del giornale internazionale di tossicologia.

“Mercurio è stato implicato come fattore di rischio nella malattia cardiovascolare a causa delle preoccupazioni ambientali sia da contaminazione che dall'atmosfera. Ma nessuno ha esaminato il regolamento di metalli pesanti di questo enzima,„ ha detto Narasimham Parinandi, Direttore del laboratorio di segnalazione del lipido e di lipidomics al centro medico di Ohio State University ed autore senior dello studio. “Se capiamo questo regolamento e sappiamo bloccarlo, possiamo fornire i modi adeguati impedire l'attività.„

Parinandi ed i colleghi messi a fuoco sull'attivazione di un enzima hanno chiamato la fosfolipasi D, o PLD, in celle che allineano le arterie nel polmone. Hanno esposto le celle ai moduli inorganici, ambientali e farmaceutici di mercurio ed hanno osservato che tutti e tre i moduli hanno attivato l'enzima.

L'attivazione dell'enzima comprende una serie di eventi complessa nelle membrane cellulari che a loro volta rilascia l'acido fosfatidico, che può danneggiare le celle nel rivestimento dell'imbarcazione, chiamata celle endoteliali ed è creduta per contribuire ai disturbi vascolari.

Per più ulteriormente verificare il ruolo degli enzimi nel danno del rivestimento del vaso sanguigno, gli scienziati poi hanno indicato che i chelatori e gli antiossidanti del metallo diminuiscono dall'l'attivazione indotta da Mercurio dell'enzima in celle endoteliali. Questa parte dello studio ha indicato che i tipi differenti di mercurio pregiudicano le celle nei modi diversi.

Nei tre moduli di mercurio, del cloruro del metilmercurio, (modulo ambientale), thimerosal (modulo farmaceutico) e cloruro mercurico (modulo inorganico), dell'attivazione degli enzimi è stato impedito dai chelatori del metallo, che sono prodotti chimici organici che legano con ed eliminano gli ioni liberi del metallo dalle sostanze.

La potenza del cloruro del metilmercurio attivare l'enzima egualmente è stata influenzata dagli antiossidanti, compreso vitamina C, suggerente che questo modulo del metallo generasse i radicali liberi. Ciò è il modulo di mercurio connesso il più molto attentamente con l'approvvigionamento di generi alimentari.

“Il camice dei chelatori ha fatto un migliore processo che antiossidanti alla protezione dall'attivazione del mercurio dell'enzima,„ ha detto Thomas Hagele, primo autore dello studio e un ricercatore dello studente non laureato nel laboratorio di Parinandi. “Questo indica che l'attivazione dell'enzima non è isolata ad una posizione nella cella. Poiché possiamo proteggere dall'attivazione degli enzimi con entrambi i chelatori ed antiossidanti, quei significa che alcuni tipi differenti di attivazioni sono probabili accadere, secondo la tossina.„

Questa ricerca non è appena circa mercurio, Parinandi celebre, anche un assistente universitario di cura e della medicina polmonari e critiche di sonno. Mercurio in questo caso funge da modello per altre tossine che hanno simili effetti sulle pareti del vaso sanguigno, indicante che cosa accade nell'organismo quando le sostanze tossiche sono un fattore nel causare le malattie.