Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo modello animale per febbre di Lassa

Gli scienziati alle fondamenta di sud-ovest per la ricerca biomedica hanno sviluppato un nuovo strumento nella battaglia contro un'arma biologica potenziale, febbre di Lassa, che uccide ogni anno parecchie migliaia di gente e lascia a migliaia più con le inabilità quali la sordità ed il danno di fegato.

In un articolo nell'edizione del giugno 2007 del giornale della virologia (volume 81, emissione 12), gli scienziati Jean Patterson di SFBR ed il Jr. della carogna di Ricardo ed i colleghi dettagliano lo sviluppo di nuovo modello animale, la scimmia dell'uistitì, per uso nella ricerca della febbre di Lassa.

L'uistitì è un piccolo primate che pesa circa una libbra una volta completamente sviluppato, ma ha molte similarità genetiche e fisiologiche agli esseri umani. Un vantaggio di usando gli uistitì è che la risposta dell'animale all'infezione di Lassa completamente imita la risposta trovata nella gente che sviluppa i sintomi.

La disponibilità dell'uistitì per questa ricerca si pensa che acceleri la prova dei vaccini potenziali contro febbre di Lassa, compreso una serie di candidato che vaccini che già sono stati sviluppati e stanno aspettando su un modello come questo provare, hanno detto Patterson, il presidente del dipartimento della virologia e dell'immunologia a SFBR.

Già, Patterson e la carogna stanno lavorando con gli uistitì a SFBR per analizzare un vaccino di promessa della febbre di Lassa sviluppato all'istituto di biotecnologia dell'università del Maryland.

Una scarsità degli animali disponibili per analizzare i nuovi vaccini ha ostacolato tale ricerca nel passato, inducente molti scienziati intorno agli Stati Uniti ad incontrare le lunghe attese per condurre la prova,

“Avere questo modello permetterà che i ricercatori analizzino più rapidamente i loro vaccini di potrebbero senza a,„ Carrion ha detto. “E perché imita più fedelmente la risposta umana a Lassa dei modelli attuali, potrebbe trasformarsi nel modello preferito.„

I collaboratori con Patterson e carogna sullo studio dettagliato nel giornale dell'articolo della virologia includono il Dott. Kathleen Brasky del centro di ricerca nazionale del primate di sud-ovest, situato a SFBR; Curtis Johnson, Monica Gonzales e Anysha Ticer di SFBR; Keith Mansfield del centro di ricerca del primate della Nuova Inghilterra alla facoltà di medicina di Harvard in Southborough, Massachusetts; Igor Lukashevich dell'istituto di virologia umana all'istituto di biotecnologia dell'università del Maryland a Baltimora; e Suzette Tardif del centro di Ann e di Sam Barshop per gli studi di invecchiamento e di longevità al centro di scienza di salubrità dell'università del Texas a San Antonio.

La febbre di Lassa è una malattia virale che si presenta in Africa occidentale, diffusione “dal ratto del multimammate,„ noto affinchè il frequente allevamento e una tendenza colonizzi dove la gente vive.

Il virus è veduto come arma potenziale di bioterrore perché uno dei modi che la gente è infettata è via le particelle sospese nell'aria contaminate con le escrezioni del roditore, conosciute come aerosol o la trasmissione ærea. Il virus anche può acquistarsi in altri modi, compreso il cibo dell'alimento contaminato con, attraverso i tagli o le ferite, o entr inare contatto con il sangue, il tessuto, le secrezioni, o le escrezioni di una persona infettata.

Soltanto circa 20 per cento della gente infettata con Lassa sviluppano i sintomi severi. Di coloro che si ammala, il tasso di mortalità proviene da 15-20 per cento, ma il tasso di mortalità è in rialzo a 60 per cento per coloro che è incinto. Come gli esseri umani, gli uistitì che muoiono dalla malattia agiscono in tal modo entro 20 giorni dell'Illinois diventante.

Di quella gente che recupera, 30-40 per cento subiscono la perdita dell'udito ed il danno del fegato.

La febbre di Lassa egualmente causa una profonda soppressione del sistema immunitario, un aspetto della malattia che i ricercatori stanno tenendo la carreggiata con lo studio vaccino dell'uistitì corrente. “Le donne incinte hanno così alto tasso di mortalità da Lassa perché la gravidanza già causa l'immunosoppressione e Lassa la compone,„ Patterson ha detto.

Oltre alla sua similarità agli esseri umani in risposta alla malattia, gli uistitì egualmente sono utili in questo tipo di ricerca perché sono più piccoli e prendono meno spazio in un laboratorio e richiedono le dosi più basse. Egualmente sono molto più disponibili facilmente dei primati più tradizionali della ricerca, quali i macachi del reso.

“Abbiamo avuti uno studio che è stato ritardato per quattro o cinque mesi perché non potremmo ottenere alcuni macachi del reso,„ Carrion ha detto.

Ha detto che altri agenti patogeni pericolosi che gli scienziati intendono studiare con l'aiuto degli uistitì includa Ebola, un virus di febbre emorragica e Marburgo, un parente di Ebola, di cui tutt'e due ha fino ad un tasso di mortalità di 90 per cento.