Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Rachitismo carente di vitamina D in infanti

Il messaggio circa impedire il rachitismo carente di vitamina D in bambini non sta passando attraverso, non avverte medici senior nel BMJ di questa settimana.

Per oltre dieci anni, il governo BRITANNICO ha raccomandato l'uso universale dei supplementi della vitamina a tutti gli infanti di allattamento al seno impedire il rachitismo, scrive Scott Williamson e Stephen Greene dall'ospedale di Ninewells a Dundee.

Tuttavia, nei quattro mesi scorsi, hanno diagnosticato il rachitismo carente di vitamina D in cinque infanti in Tayside.

Nessuno di questi bambini o madri avevano ricevuto il completamento di vitamina D e le loro famiglie erano ignare del bisogno di questa.

La raccomandazione è particolarmente importante per quelle di asiatico, africano, afrocaraibico, o l'origine del Medio-Oriente con l'esposizione diminuita a luce solare, dice gli autori, poichè la pigmentazione aumentata dell'interfaccia lo rende più difficile sintetizzare la vitamina D.

La carenza di vitamina D può causare il rachitismo, la formazione difficile del dente, le convulsioni e la crescita arrestata. Egualmente è stata collegata ad un rischio aumentato di problemi sanitari nella vita più tarda.

Gli autori sostengono che il sito Web diretto di NHS è ambiguo circa l'esigenza dei supplementi della vitamina.

Il comitato consultivo scientifico su nutrizione ha pubblicato appena un'istruzione di posizione sulla vitamina D, con particolare riferimento ad impedire il rachitismo, che evidenzia l'esigenza di una campagna di salute pubblica e sottolinea la necessità di completare gli infanti nei gruppi ad alto rischio.

“Dobbiamo diffondere il messaggio a tutti gli ospiti di salubrità e medici di famiglia attraverso il Regno Unito,„ concludono.

http://www.bmj.com

Source: