Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Frutta Libera al banco - un esercizio inutile!

Secondo i ricercatori uno schema di governo in Gran-Bretagna per distribuire la frutta libera in banchi è stato inutile! - come non ha fatto niente incoraggiare i bambini a mangiare più sano.

Le Statistiche suggeriscono che si in cinque bambini nel REGNO UNITO non mangi frutta mentre tre in cinque mangiano i legumi non verdi.

Lo schema che ha costato il government£119 milione Britannico sugli anni 3, è stato sostenuto dal Ministero della Sanità e si adopera dare tutti e quattro le all'sei-anno-olds nei banchi infantili, primari e speciali dello stato in Inghilterra un il pezzo libero di frutta o di verdura ogni giorno.

Ora un nuovo studio dai ricercatori all'Università di Leeds ha fatto sorgere i dubbi seri sopra i vantaggi a lungo termine dello schema.

Lo schema dice che i ricercatori è l'intervento del più grande disgaggio nella dieta dei bambini Inglesi dall'introduzione del latte per refezione scolastica libero nel 1946.

I ricercatori piombo dal Dott. Janet Cade, dal professor al centro per l'epidemiologia e la biostatistica, hanno esaminato l'assunzione degli elementi nutritivi e della frutta per 3.700 bambini da 98 banchi nel Nord dell'Inghilterra durante il 2004.

Hanno trovato che mentre lo schema inizialmente ha amplificato l'assunzione della frutta dalla parte mezza e leggermente ha aumentato i livelli di beta-carotene e di vitamina C, i vantaggi hanno scaduto dopo sette mesi.

Sospettano che questo era perché una volta che le età raggiunta allievi sette - otto essi non fossero più gratis frutta ammissibile o le verdure e da allora in poi i vantaggi non potessero essere vedute affatto.

Dall'inizio dell'anno scolastico prossimo a settembre, le carote ed i pomodori si aggiungeranno alle mele, alle pere, alle banane ed agli agrumi già disponibili come componente dello Schema della Frutta e della Verdura del Banco.

I ricercatori dicono che ci sono determinate difficoltà connesse con lo schema perché l'intervallo di frutta e verdure in vendita è stretto a causa delle preoccupazioni di sanità e sicurezza ed anche del momento necessario per il preparato.

Suggeriscono che lo schema dovrebbe essere strutturato e mirato a per raggiungere l'impatto a lungo termine e dovrebbe avere partecipazione dall'intero banco come pure dai genitori.

Il Dott. Cade egualmente dice che c'era prova che l'assunzione dei bambini di frutta e delle verdure è diminuito a casa nel momento stesso in cui è aumentato al banco.

Secondo il Ministero della Sanità, la ricerca di Leeds è basata su vecchie informazioni dal 2004 come componente della prima valutazione della Frutta del Banco e lo Schema ed essi della Verdura dicono che sanno che lo schema ha incoraggiato i bambini a mangiare più frutta e verdure.

I Critici dicono lo schema era sempre improbabile da lavorare perché mettere a disposizione la frutta e le verdure a tempo della rottura del banco non ha posto in una cultura in cui l'alimento sano è considerato “uncool„ e dicono che le storie abbondano dei bambini che vagano forlornly intorno al campo da giuoco del banco con un secchio di frutta, provante ad eliminarlo.

Lo studio è pubblicato nella questione attuale del Giornale di Salubrità della Comunità e dell'Epidemiologia.