Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ago2 ed ematopoiesi

Argonaute 2 (Ago2) è unico fra la sua famiglia: È quello solo delle quattro proteine mammifere di Argonaute che esibisce l'attività “dell'affettatrice„ dell'endonucleasi (facilitazione di fenditura miRNA-guida dell'obiettivo mRNA).

Tuttavia, come DRS. Donal O'Carroll ed Alexander che Tarakhovsky (L'Istituto di Rockefeller) riferisce in un'emissione imminente di G&D, caratteristica di definizione di Ago2 è sorprendente non indispensabili per il suo ruolo nella biogenesi del miRNA e di ematopoiesi.

Una versione avanzata del loro documento sarà inviata online a www.genesdev.org

DRS. O'Carroll, Tarakhovsky ed i colleghi hanno generato i mouse transgenici che harboring le versioni mutate di Ago2 in loro midollo osseo. I ricercatori hanno trovato che Ago2 è necessario, effettivamente, abbastanza per lo sviluppo normale del globulo. La Sua attività di endonulcease, tuttavia, non è.

Gli scienziati potevano ripristinare la eritropoiesi in mouse di Ago2-deficient esprimendo una versione mutata di Ago2 che manca della sua attività dell'endonucleasi, quindi dimostrante che il ruolo di Ago2 nel sistema ematopoietico è indipendente dalla sua attività dell'affettatrice. Piuttosto, il Dott. O'Carroll ed i colleghi hanno trovato che Ago2 regolamenta la biogenesi del miRNA in globuli.

“I Nostri risultati indicano che la funzione dell'effettore di miRNA in somatociti conta principalmente su controllo di traduzione di espressione genica piuttosto che sulla distruzione degli obiettivi del mRNA. Ciò che trova può forzare la revisione delle strategie correnti per l'identificazione degli obiettivi del miRNA in celle con sovraespressione determinata del miRNA o la carenza,„ spiega il Dott. Tarakhovsky.

http://www.cshl.org