Confronto dei trattamenti di ADHD

La maggior parte dei bambini hanno trattato in vari modi per miglioramento continuo indicato disordine (ADHD) dell'iperattività di deficit di attenzione dopo tre anni in uno studio di approfondimento importante costituito un fondo per dagli istituti nazionali dell'istituto della salubrità (NIH) della salute mentale nazionale (NIMH).

Eppure il rischio aumentato per i problemi comportamentistici, compreso la delinquenza e l'uso della sostanza, è rimanere più superiore al normale.

Lo studio ha continuato i bambini che avevano partecipato allo studio multimodale del trattamento dei bambini con disordine dell'iperattività di deficit di attenzione (MTA).

I vantaggi iniziali della gestione del farmaco da solo o congiuntamente al trattamento comportamentistico sopra cura di comunità puramente comportamentistica o sistematica hanno calato durante gli anni dopo 14 mesi del trattamento controllato cessati. Tuttavia, Peter Jensen, M.D., Columbia University e colleghi ha sottolineato che “sarebbe stato sbagliato concludere da questi risultati che il trattamento non fa differenza o non è degno perseguire.„

Il loro rapporto è fra quattro sul risultato dello studio del MTA pubblicato nel giornale dell'agosto 2007 dell'accademia americana del bambino e della psichiatria adolescente (JAACAP).

“Direzione tramite il miglioramento notevole nei sintomi e funzionando attraverso tutti i gruppi del trattamento,„ ha spiegato Jensen.

Dopo tre anni, 45-71 per cento della gioventù nei gruppi originali del trattamento stavano catturando il farmaco. Tuttavia, il trattamento continuo del farmaco più non è stato associato con i migliori risultati entro il terzo anno.

“I nostri risultati indicano che il farmaco può fare una differenza a lungo termine per alcuni bambini se è continuato con l'intensità ottimale e non cominciato o aggiunto troppo tardi nel decorso clinico di un bambino,„ Jensen aggiunto.

Per lo studio di approfondimento, un gruppo di ricerca del multi-sito ha valutato, alle età 10-13, 485 bambini dallo studio originale del MTA, la prova ripartita con scelta casuale di primo maggiore che confronta i trattamenti differenti per ADHD, pubblicati in l999. Quello studio ha trovato che quella gestione intensiva del farmaco sola o congiuntamente alla terapia comportamentistica ha prodotto i migliori risultati che appena la terapia comportamentistica o la cura di comunità usuale.

Le classificazioni dalle famiglie e dagli insegnanti hanno favorito il trattamento di combinazione, che ha tenuto conto le dosi piuttosto più basse del farmaco. Inoltre, la gestione attenta del farmaco dai medici del MTA ha prodotto i migliori risultati che il farmaco fornito con le sorgenti usuali di cura di comunità.

Dopo i 14 mesi dei trattamenti definiti cessati, le famiglie erano libere di scegliere dai trattamenti disponibili nelle loro comunità.

Per capire perché il vantaggio iniziale del farmaco si è logorato, i ricercatori hanno esaminato i reticoli di uso del farmaco che sono emerso dopo che il trattamento convenzionale nello studio ha cessato. Hanno trovato che i bambini che erano stati definiti al trattamento comportamentistico intensivo erano più probabili cominciare a catturare il farmaco, mentre coloro che stava catturando il farmaco erano più probabili fermarsi. Per esempio, fra i bambini originalmente nel gruppo comportamentistico del trattamento, l'incidenza di alto uso del farmaco è aumentato da 14 a 45 per cento.

In un'analisi secondaria dei dati che hanno cercato le spiegazioni possibili per i risultati, nella stessa emissione del JAACAP, ricercatori piombo da James Swanson, il Ph.D., università di California a Irvine, ha riferito l'individuazione della variabilità determinata sostanziale nelle risposte al farmaco. Hanno identificato tre gruppi di bambini con differenti reticoli della risposta. Un gruppo, circa un terzo dei bambini, ha mostrato un miglioramento graduale e moderato; un secondo gruppo, circa la metà dei bambini, ha mostrato il più grande miglioramento iniziale, che è stato sostenuto con il terzo anno; un terzo gruppo, circa 14 per cento dei bambini, reagiti bene inizialmente, ma d'altra parte deteriorato come sintomi ha ritornato durante i secondi e terzi anni. Swanson ed i colleghi hanno suggerito “i ritiri di prova„ affinchè alcuni bambini determinino se ancora devono catturare i farmaci.

Un altro rapporto da Swanson e dai colleghi nella stessa emissione del JAACAP ha confermato un più in anticipo trovando dallo studio del MTA che catturare il farmaco ha rallentato la crescita. Un gruppo di 65 bambini con ADHD che non aveva catturato mai il farmaco si è sviluppato piuttosto più grande, circa tre quarti di un pollice e 6 libbre più, in media, che un gruppo di 88 pari che sono restato sul farmaco nel corso dei tre anni. I tassi di accrescimento normalizzati per i bambini sul farmaco entro il terzo anno, ma essi non avevano compensato il rallentamento più iniziale nella crescita.

In un quarto articolo, Brooke Molina, il Ph.D., l'università di Pittsburgh ed i colleghi hanno riferito che, malgrado il trattamento, i bambini con ADHD hanno mostrato le tariffe significativamente alto-che-normali della delinquenza (27,1 per cento contro 7,4 per cento) e dell'uso della sostanza (17,4 per cento contro 7,8 per cento) dopo tre anni. La prova più iniziale di uso più basso della sostanza valuta fra i bambini che avevano ricevuto la terapia comportamentistica intensiva avevano diminuito entro il terzo anno. “Questi risultati sottolineano il punto che il trattamento di ADHD per un anno non impedisce i problemi gravi l'emergenza più successivamente,„ hanno notato Molina.

Seguito del campione del MTA continuerà come i bambini partecipanti passano con adolescenza ed entrano nell'età adulta.