Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Protesi del seno e rischio di suicidio

Le donne che subiscono la chirurgia di aumento del petto sono quasi tre volte probabili commettere il suicidio, secondo uno studio pubblicato nell'emissione augusta degli annali di chirurgia plastica.

Questa ricerca conferma i collegamenti precedentemente veduti fra le protesi del seno ed in maniera sconvolgente un ad alto rischio del suicidio come pure le morti dalla farmacodipendenza o dell'alcool.

Lo studio, piombo da Loren Lipworth, Sc.D., assistente universitario di medicina preventiva al centro medico di Vanderbilt University e l'istituto internazionale a Rockville, Md dell'epidemiologia., ha documentato il rischio aumentato di suicidio. Il forte rischio di suicidio suggerisce che i chirurghi plastici dovrebbero considerare la selezione di salute mentale e continuare per le donne che cercano le protesi del seno.

Lipworth ed i colleghi hanno svolto uno studio di approfondimento esteso di 3.527 donne svedesi che hanno subito l'ambulatorio cosmetico della protesi del seno fra 1965 e 1993. I dati del certificato di morte sono stati usati per analizzare le cause della morte fra le donne con le protesi del seno, confrontate alla popolazione femminile generale.

A seguito medio di quasi 19 anni, la tariffa di suicidio era tre volte più su per le donne con le protesi del seno, confrontato alla popolazione in genere (basata su 24 morti). Il rischio era più grandi-quasi sette volte alto-per le donne che hanno ricevuto le loro protesi del seno alle età 45 o più vecchio. (L'età media alla chirurgia della protesi del seno era di 32 anni.)

Il rischio di suicidio non è aumentato significativamente per i primi 10 anni dopo la chirurgia dell'innesto. Tuttavia, il rischio di suicidio è aumentato con tempo dopo che il rischio della chirurgia- era 4,5 volte più su seguito di 10 - 19 anni e sei volte più su dopo 20 anni.

Le donne con le protesi del seno egualmente hanno avute più alte tariffe della morte dai disturbi mentali, compreso un aumento triplo nelle morti dalla farmacodipendenza e dell'alcool. Parecchie morti supplementari, classificate come incidenti o lesioni, potrebbero essere suicidi o disordini psichiatrici in questione o droga e abuso di alcool come causa di contributo.

“Così, almeno 38 morti (22 per cento di tutte le morti) in questo gruppo dell'innesto sono state associate con il suicidio, disordini psicologici e/o droga e abuso di alcool/dipendenza,„ secondo i ricercatori.

Non c'era aumento nel rischio di morte da cancro, compreso cancro al seno, fra le donne con le protesi del seno, secondo Lipworth, un docente del centro del Cancro di Vanderbilt-Ingram. Gli aumenti nelle morti dal cancro polmonare e nelle malattie respiratorie, quale l'enfisema, probabilmente hanno riflesso le tariffe più su di fumo fra le donne con le protesi del seno.

Parecchi studi epidemiologici hanno trovato una tariffa aumentata di suicidio fra le donne con le protesi del seno cosmetiche. Lo studio corrente fornisce i dati estesi di seguito su uno studio nazionale precedente delle donne svedesi le protesi del seno, più del raddoppiando il numero delle morti analizzate.

Gli aumenti nel suicidio e nelle morti relative alla farmacodipendenza e dell'alcool suggeriscono che “una percentuale non banale di donne che subiscono l'aumento del petto possa portare con loro-o sviluppare la morbosità e finalmente la mortalità psichiatriche a lungo termine tardi-serie,„ Lipworth ed i colleghi scrivono. Poiché lo studio comprende soltanto le morti, le tariffe vere dei problemi di sostanza e psicologico di abuso fra le donne con gli innesti cosmetici sono molto più alto probabile. I ricercatori concludono, “tali risultati selezione, consiglio e forse video dell'post-innesto aumentati cedola delle donne che cercano le protesi del seno cosmetiche.„

Il centro del Cancro di Vanderbilt-Ingram è un centro completo del Cancro dell'istituto nazionale contro il cancro, uno di soltanto 39 nel paese e quello solo nel Tennessee per utile questa distinzione più alta. I sui quasi 300 docenti generano più di $130 milioni in finanziamento federale annuale della ricerca, nel posto fra i 10 centri principali nel paese nel supporto non Xerox di concessione e nel suo programma clinico vedono ogni anno più di 4.000 nuovi malati di cancro. Vanderbilt-Ingram recentemente unito con 21 dei centri principali del mondo nella rete completa nazionale del Cancro, un'alleanza senza scopo di lucro ha dedicato a migliorare la cura del cancro per i pazienti dappertutto. Per più informazioni, visita http://www.vicc.org.