Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'endoscopia Wireless della capsula è utile e sicura nella diagnostica della malattia intestinale pediatrica

Un nuovo studio nel Giornale Americano della Gastroenterologia suggerisce che l'endoscopia wireless della capsula sia una tecnica utile ed affidabile studiare la piccola salubrità delle viscere in bambini.

Mentre la tecnologia è stato ampiamente usata nel trattamento adulto, questo è il primo studio per esaminare il suo uso nella pediatria.

“Le piccole viscere sono state sempre difficili da valutare, dovuto la sua dimensione e molti avvolgimenti,„ dice il de l'autore Angelis, il professor di Gian Luigi di studio con l'Università di Parma, Italia. “Questa piccola macchina fotografica può seguire l'intera lunghezza delle viscere, aiutante ci ad identificare i sintomi e danneggiare che sarebbero altrimenti impossibli da osservare in bambini.„

La macchina fotografica, imballata in una capsula che può essere inghiottita o collocata nello stomaco, attraversa naturalmente ed indolore through l'apparato digerente, diminuendo l'esigenza delle prove dilaganti, l'anestesia o la radiazione relativa alle tecniche di rilevamento più tradizionali.

Il de Angelis del Professor è promettente circa la tecnologia, ma incoraggia l'avvertenza nell'uso pediatrico. “La Nostra esperienza, che comprende il più grande numero dei pazienti pediatrici ha riferito in letteratura, lo conferma che questa tecnologia è un sistema molto utile per il lavoro clinico nelle malattie sospettate delle piccolo-viscere nell'infanzia,„ dice. “Tuttavia, il tasso alto di esame positivo è dovuto la selezione molto attenta dei pazienti.„

http://www.blackwellpublishing.com