Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il rischio di vaginosis batterico collegato alla nascita prematura compare più su per gli afroamericani

Il rischio di infezione vaginale comune collegata alla nascita prematura sembra intensificare quando anche un partner è afroamericano, secondo un'università di studio della scuola di medicina di Pittsburgh presentato oggi alla trentaquattresima riunione annuale della società delle malattie infettive per l'ostetricia e la ginecologia a Boston.

“Quando una donna incinta ha vaginosis batterico, il suo rischio di nascita prematura va su,„ ha detto Hyagriv Simhan, M.D., M.S.C.R., assistente universitario dell'ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive all'università di scuola di medicina di Pittsburgh. “Ed ora possiamo dire che quello il rischio misurante per il vaginosis batterico non è semplice quanto appena esaminando la donna. Anche dovremmo considerare il suo partner.„

Il vaginosis batterico (BV) è un'infezione ginecologica comune che pregiudica fino a 50 per cento delle donne in alcune popolazioni. La BV è caratterizzata da un aumento nell'alcalinità vaginale e da una crescita eccessiva dei batteri anormali. Fra i sintomi più prominenti dell'infezione è uno scarico latteo e nauseabondo.

“Per anni, i clinici hanno ritenuto all'infezione della BV come problema secondario, ma oltre ad aumentare il rischio per la nascita prematura, altri studi hanno indicato che le donne che hanno BV egualmente sono più probabili ottenere il herpes ed altre malattie sessualmente trasmesse, compreso il HIV,„ ha detto il Dott. Simhan, uno specialista materno-fetale della medicina all'ospedale del Magee-Womens dell'università di centro medico di Pittsburgh.

Per questo studio d'osservazione, il Dott. Simhan ed i suoi colleghi hanno considerato 325 donne che erano nel loro primo acetonide della gravidanza. Fra queste donne, 129 (39,7 per cento) erano associazioni maschii femminili/bianche bianche, 35 (10,8 per cento) erano coppie maschii bianche nero/femminili, 12 (3,7 per cento) erano coppie maschii femminili/bianche nere e 149 (45,9 per cento) erano associazioni nere del nero/femminili maschio.

“Generalmente, la BV era meno comune fra le donne bianche confrontate alle donne di colore nel gruppo. Ma considerevolmente, la corsa del partner egualmente ha mostrato un'influenza sul rischio della BV,„ il Dott. Simhan ha detto. “I nostri risultati hanno mostrato quello quando un partner è nero, se il maschio o la femmina, rischio di BV sale duplice.„

L'infezione della BV è trattata comunemente con un intervallo degli antibiotici. Tuttavia, il trattamento viene a mancare in alcuni casi e le infezioni diventano resistenti. Anche le donne di cui l'infezione annulla possono essere frequentemente ri-infettate più successivamente.

“Abbiamo trovato che la corsa paterna è un fattore di rischio indipendente per la BV durante la gravidanza e che questa è almeno importante un fattore di rischio quanto la corsa materna,„ ha continuato il Dott. Simhan. “Gli studi sul contributo della BV ai risultati avversi di gravidanza dovrebbero considerare la corsa paterna come fattore importante.„

Uno studio recente dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti ha trovato che la nascita prematura contribuita a più di un terzo delle morti infantili, il doppio di precedentemente ha pensato, rendendogli la causa principale delle morti infantili, eppure le cause fondamentali della nascita prematura non sono buono capite.

Le ragioni per la varianza osservata nelle tariffe della BV fra i gruppi razziali egualmente non sono capita buona, il Dott. Simhan ha detto.

“Ci potrebbero essere differenze genetiche che si riferiscono a perché i gradi di infezione sono differenti e forse alcune differenze nello stato nutrizionale che potrebbe fare una parte. Ma nemmeno conosciamo le differenze in flora vaginale normale fra i gruppi razziali,„ ha detto. “Più studio è definitivamente necessario. Che cosa possiamo ora dire è che non è appena semplice quanto curando la donna.„