Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La conversazione di bambino è universale

Una funzione importante di discorso è la comunicazione delle intenzioni. Nella conversazione di ogni giorno fra gli adulti, le intenzioni si trasportano attraverso i canali multipli, compreso la sintassi e la semantica del linguaggio, ma anche con le indicazioni vocali non verbali quali il passo, la sonorità e la tariffa di discorso.

La stessa cosa accade quando parliamo con infanti. Indipendentemente dal linguaggio parliamo, la maggior parte dei adulti, per esempio, alzi le loro voci per suscitare l'attenzione dell'infante e per parlare ad una tariffa molto più lenta per comunicare efficacemente. In comunità scientifica, questa conversazione di bambino è definita “discorso infante-diretto.„

Ci sono relazioni dirette fra il modo che parliamo e che cosa desideriamo trasportare. Per esempio, quando vediamo un bambino raggiungere per il socket elettrico, non esigiamo il loro nome come durante il gioco del nascondino.

I ricercatori Greg Bryant e Clark Barrett, all'università di California, Los Angeles, propongono che le relazioni fra i suoni e le intenzioni siano universali e così, dovrebbero essere capiti da chiunque indipendentemente dal linguaggio che parlano.

Per verificare la loro ipotesi, Bryant e Barrett hanno registrato le madri anglofone indigene come se stessero parlando con loro proprio bambino e poi come se stessero parlando ad un adulto. Il discorso diverso attraverso quattro categorie: proibitivo, approvazione, comodità ed attenzione. Poi, hanno giocato le registrazioni agli abitanti di un villaggio di Shuar (cacciatore-horticulturalists sudamericani) nell'Ecuador per vedere se i partecipanti potessero discriminare fra discorso (ID) infante-diretto e (AD) adulto-diretto e se potrebbero dire la differenza fra le categorie in entrambi i tipi di discorsi.

I risultati, che compaiono nell'emissione augusta di scienza psicologica, pubblicata dall'associazione per scienza psicologica, hanno indicato che i partecipanti di Shuar potevano distinguere il discorso di identificazione da discorso dell'ANNUNCIO con accuratezza di 73%. Potevano egualmente dire quale categoria (per esempio proibitivo, approvazione, ecc.) le madri anglofone usate, ma essi erano migliori a questa quando le madri hanno usato la conversazione di bambino.

Ciò è il primo studio per indicare che gli ascoltatori adulti in una cultura indigena, nonindustrialized e nonliterate possono dire facilmente la differenza fra la conversazione di bambino ed il discorso diretto l'adulto normale.

“Questi risultati egualmente forniscono il supporto per la nozione che la comunicazione emozionale vocale manifesta stessa nei simili modi attraverso le culture disparate,„ scrive Bryant. La ricerca futura potrebbe mettere a fuoco su come gli infanti rispondono relativamente al comportamento quando ascolta il discorso infante-diretto in un linguaggio differente.