Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

MRI contribuisce a trovare la nuova anomalia relativa alla progressione ed all'inabilità di malattia in pazienti con la sclerosi a placche

Facendo Uso delle immagini (MR) a risonanza magnetica del cervello, i ricercatori hanno identificato una nuova anomalia relativa alla progressione ed all'inabilità di malattia in pazienti con la sclerosi a placche (MS), secondo uno studio pubblicato nell'emissione Augusta della Radiologia.

“Ha Basato su questi risultati, i medici possono potere diagnosticare esattamente la sclerosi a placche ed identificare i pazienti a rischio di sviluppare la malattia progressiva,„ ha detto l'autore principale dello studio, Rohit Bakshi, M.D., il professore associato della neurologia e la radiologia alla Facoltà di Medicina di Harvard ed a Direttore di MS-MRI clinico a Brigham ed all'Ospedale delle Donne e Partners il Centro del MS a Boston.

Il MS è una malattia cronica e autoimmune caratterizzata dalla distruzione di mielina, i livelli protettivi che circondano le cellule nervose. Può pregiudicare le numerose funzioni dell'organismo ed i sintomi possono comprendere la rappresentazione e danno di discorso, perdita di memoria, la depressione, la debolezza di muscolo, perdita di coordinamento, l'intorpidimento, dolore, problemi della vescica e delle viscere e disfunzione sessuale.

Il MS pregiudica approssimativamente 400,000 persone negli Stati Uniti ed altrettanto come 2,5 milioni mondiali, principalmente le donne fra le età di 20 e di 50, secondo la Società Nazionale di Sclerosi A Placche.

Ci sono quattro classificazioni del MS, ma i due tipi più comuni ricadere-stanno rimettendo e secondario-progressivo. I Pazienti con la ricadere-rimessa del MS avvertiranno le fiammate di sintomo seguite dai periodi di nessuna progressione di malattia. I Pazienti con il MS secondario del progressivo esibiscono un periodo iniziale di ricadere-rimessa del MS, seguito dalla progressione costante di malattia.

Il Dott. Bakshi e colleghi ha esaminato in modo retrospettivo i dati del T1 MRI di 145 pazienti del MS, compreso 112 donne e 33 uomini. Novantadue pazienti hanno avuti MS dirimessa e 49 pazienti hanno avuti SIG.RA del secondario-progressivo. La classificazione di malattia era sconosciuta in quattro pazienti.

I ricercatori hanno trovato che il SIG. immagini di T1-weighted dei cervelli dei pazienti del MS descrive spesso le aree luminose chiamate lesioni di iperintensa, anche conosciute come le aree “di riduzione T1,„ e precisato per determinare se ci fosse una relazione fra la frequenza e la posizione di queste lesioni e della progressione di malattia, l'atrofia del cervello e l'inabilità in pazienti con SIG.RA.

L'analisi ha scoperto 340 lesioni di iperintensa T1 in 123 pazienti. Le Lesioni erano più probabili essere presenti in pazienti con Sig.ra del secondario-progressivo Inoltre, 71 per cento dei pazienti con il secondario-progressivo che il MS ha fatto le lesioni multiple di iperintensa T1 rispetto, a 46 per cento di ricadere-rimessa dei pazienti del MS.

Il numero totale delle lesioni di iperintensa T1 è stato correlato molto attentamente con l'inabilità fisica, la progressione di malattia e l'atrofia del cervello.

“I risultati suggeriscono che le lesioni di iperintensa T1 si presentino comunemente in pazienti con il MS e che la presenza di lesioni multiple indichi un rischio per un corso d'avanzamento di malattia,„ il Dott. Bakshi hanno detto. “Questi risultati ulteriori sottolineano l'importanza del SIG. che neuroimaging nella diagnosi e nella gestione dei disordini neurologici quale Sig.ra„

http://www.rsna.org/