Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova comprensione di come il cervello gestisce il regolamento di pressione sanguigna

Una scoperta ha fatto 25 anni fa circa come il regolamento di pressione sanguigna di comandi del cervello ora sta esplorando soltanto con l'aiuto degli scienziati dall'Istituto di Howard Florey.

Lo scienziato Tedesco Eminente, Prof. Wilfrid Jänig, è a Melbourne questo mese da collaborare con gli scienziati di Florey, il Dott. Robin McAllen ed il Dott. Bradford Bratton, sulla sua ricerca che comprende una via nel cervello che gestisce la pressione sanguigna e può peggiorare la malattia cardiovascolare.

Quando Prof. Jänig in primo luogo ha scoperto questo nuovo concetto di esame del regolamento di pressione sanguigna, altri scienziati non potrebbero ottenere la loro testa intorno alla sua idea.

“Ha avuta niente a che fare con la tecnologia che allora poichè sarebbe stato possibile sviluppare la tecnologia per questa ricerca,„ Prof. disponibile Jänig ha detto.

Il Dott. McAllen, che precedentemente ha lavorato con Prof. Jänig sull'altra ricerca del cervello, ulteriore spiega perché ha richiesto 25 anni affinchè l'idea si evolva ed essere esplorato.

“Prof. Jänig era di 25 anni in anticipo sui tempi. Per gli scienziati non è raro individuare qualcosa nella loro ricerca che la comunità scientifica non è pronta ad accettare,„ il Dott. McAllen ha detto.

La collaborazione di Prof. Jänig con il Florey può avere conseguenze importanti mentre i nervi comprensivi sono conosciuti per essere iperattivi nelle malattie cardiovascolari quali ipertensione e infarto e questo peggiora la malattia. La Loro ricerca sta provando a trovare un modo bloccare questa iperattività senza bloccare l'attività normale.

http://www.florey.edu.au/