Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La fertilizzazione in vitro è migliorato con il trasferimento dell'embrione 3-D/4-D-guided ed il nuovo obiettivo di collocamento

La tariffa di gravidanza per i pazienti che subiscono la fertilizzazione in vitro (IVF) è migliorata quando l'uso di medici ha avanzato la rappresentazione 3D/4D per guidare il collocamento degli embrioni al punto in cui l'endometrio è più ricettivo ad impianto, secondo uno studio presentato alla sessantatreesima riunione annuale della società americana per medicina riproduttiva (ASRM).

Collocando gli embrioni nella posizione ottimale all'interno dell'utero è un fattore chiave che determinano il successo di fertilizzazione in vitro. L'autore principale dello studio, Robert Gergely, M.D., ha identificato un nuovo obiettivo di collocamento dell'embrione come il punto in cui le tube di Falloppio intersecherebbero se fossero estese oltre la loro lunghezza naturale.

Questa intersezione immaginaria, che è stata definita il punto potenziale di impianto (MIP) massimo, è dove gli embrioni tipicamente impiantano e si sviluppano nelle gravidanze naturali. La precisione nel collocamento dell'embrione ha particolarmente critico diventato negli ultimi anni dato la tendenza limitare il numero degli embrioni trasferiti durante la fertilizzazione in vitro appena ad un singolo embrione per diminuire la probabilità delle nascite multiple.

Lo studio, nominato “impianto massimo punto (MIP) potenziale - obiettivo suggerito per il collocamento ottimale dell'embrione all'interno dell'intercapedine uterina durante il trasferimento dell'embrione„ (ASRM: P-665), piombo dal Dott. Gergely, che servisce da Direttore medico del centro di ecografia 3D di Beverly Hills (Beverly Hills, California) ed era precedentemente direttore provvisorio dell'ostetricia al centro medico del Sinai dei cedri in Los Angeles.

Lo studio retrospettivo e d'osservazione di sei anni ha valutato 5.073 pazienti con un'età media di 38,3 anni che hanno ricevuto la fertilizzazione in vitro facendo uso del trasferimento dell'embrione 3D/4D-guided al centro riproduttivo del sud della California (Beverly Hills, California). In ogni caso, il collocamento dell'embrione è stato mirato a al nuovo punto massimo di potenziale (MIP) di impianto.

I pazienti hanno raggiunto una tariffa di gravidanza globale di 40,34 per cento, che è 10,04 per cento superiore alla tariffa raggiunta al centro prima dell'introduzione del Dott. Gergely della tecnica del punto di 3D/4D-guided MIP nel 2001. Lo studio più iniziale basato sui risultati su 1.222 pazienti è stato pubblicato nell'emissione dell'agosto 2005 della fertilità del giornale e della sterilità (volume 84, no. 2).

Lo studio ha incluso i pazienti di fertilizzazione in vitro dal centro medico del UCLA, dal centro medico del Sinai dei cedri e dagli specialisti di fertilità dell'indipendente nel Los Angeles-area. Complessivamente 21 medico ha impiegato la tecnica del Dott. Gergely. Una volta che introdotto, il punto di MIP era col passare del tempo accettato come l'obiettivo ottimale per il collocamento dell'embrione da tutti medici e la tecnica di trasferimento dell'embrione 3D/4D-guided è stata adottata come la procedura operativa standard per tutti i trasferimenti dell'embrione.

“La vecchia tecnica per il collocamento degli embrioni facendo uso del 2D ultrasuono da solo era essenzialmente un gioco di ipotesi,„ ha detto il Dott. Gergely. “Mentre la rappresentazione 3D permette che medici visualizzino l'intera intercapedine uterina ed identifichino il punto di MIP, è soltanto con l'aggiunta 4D della rappresentazione a che possiamo mirare ed embrioni della guida all'ottimale, la maggior parte della posizione naturale per ogni paziente.„

Il punto di MIP varia dal paziente al paziente secondo la forma dell'utero. Facendo uso della rappresentazione 3D/4D mirare al punto di MIP permette a medici a più efficacemente individualizza il trasferimento dell'embrione e migliora la tariffa di gravidanza.

Con la nuova tecnica, il Dott. Gergely usa l'ultrasuono 3D per individuare il punto del MIP del paziente. Poi usa l'ultrasuono 4D per aiutare lo specialista che esegue il trasferimento dell'embrione per guidare il suggerimento del catetere in tempo reale nella posizione dell'obiettivo. Il suggerimento del catetere è una volta sopra il punto di MIP, l'embrione è rilasciato. Quando questo accade, un flash distinto sull'immagine 4D indica che il momento l'embrione è collocato come pure la sua posizione precisa.

“Facendo uso del trasferimento dell'embrione 3D/4D-guided mirare al punto di MIP colloca gli embrioni dove la natura che ha inteso e dove hanno la migliore probabilità impiantare e svilupparsi,„ ha aggiunto il Dott. Gergely.

Il Dott. Gergely avverte che anche con la nuova tecnica, rimane stanza significativa migliorare la tariffa di gravidanza di IVF, che può essere influenzata da parecchi fattori compreso la qualità degli embrioni e la ricettività del endmetrium.