Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Miele per la guarigione della ferita

I chirurghi stanno consigliando di considerare il supermercato come pure l'armadietto delle droghe quando si tratta di efficace ferita che guariscono, secondo un esame della ricerca pubblicato nell'emissione di ottobre di IJCP, il giornale internazionale di pratica clinica.

Ed i pazienti che hanno subito la chirurgia dovrebbero chiedere ai loro medici se dovrebbero applicare il miele alle loro ferite per accelerare la guarigione e diminuire l'infezione.

“Il miele è uno di più vecchi alimenti in atto ed era un rimedio antico alla ferita che guarisce„ spiega il Dott. Fasal Rauf Khan dell'autore principale dalla fiducia di nord-ovest di Galles NHS a Bangor. “È stato trovato nella tomba di re Tutankhamon ed era ancora commestibile come non guasta mai.„

Il miele sta godendo di una rinascita mentre più rapporti della sua efficacia sono pubblicati, lui aggiunge.

“I ricercatori hanno cominciato documentare i beni curativi della ferita di miele nell'inizio del XX secolo, ma l'introduzione degli antibiotici nel 1940 temporaneamente ha fermato il suo uso.

“Ora le preoccupazioni circa resistenza a antibiotici e un interesse rinnovato nei rimedi naturali, ha richiesto una rinascita nei beni curativi antimicrobici e feriti di miele.

“Il miele ha una serie di beni che lo rendono efficace contro la crescita batterica, compreso il suo tenore di zucchero elevato, basso tenore di umidità, acido gluconico che crea un ambiente acido perossido di idrogeno e -. Egualmente è stato indicato per diminuire l'infiammazione ed il gonfiamento.„

I ricercatori egualmente hanno riferito che applicare il miele può essere usata per diminuire le tariffe di amputazione fra i pazienti del diabete.

Sollecitando che i pazienti dovrebbero controllare sempre con il loro chirurgo prima dell'applicazione della qualsiasi sostanza alle ferite postoperatorie, il Dott. Khan aggiunge che gli studi hanno trovato che il miele offre una serie di vantaggi.

“Può essere usato per sterilizzare le ferite infettate, per accelerare la guarigione ed impedire i tumori, specialmente in laparoscopia.„

Gli studi hanno suggerito che il miele dovrebbe essere applicato ad intervalli regolari, da all'ora a due volte al giorno e che le ferite possono diventare sterili in tre - 10 giorni.

“La ricerca suggerisce che il miele sembri essere indicato particolarmente quando le ferite sono infettate o non riescono a chiudersi o guarire„ dice il Dott. Khan. “È probabilmente ancor più utile per la guarigione delle ferite lasciate da ambulatorio laparoscopic per eliminare i cancri.„

18 studi che riguardano più di 60 anni sono stati inclusi nell'esame. Gli autori egualmente hanno esaminato altre sostanze usate per la ferita che guarisce, compreso le larve, che erano egualmente comunemente usate prima dell'introduzione degli antibiotici e stanno godendo di una rinascita.

Il gruppo egualmente ha scoperto un manoscritto antico che ha usato le scorie del vino, le prugne del ginepro e la birra, ma precisa quello che non è stato sperimentate negli ultimi anni!

“La nostra ricerca suggerisce che i chirurghi dovrebbero studiare la possibilità seriamente di usando il miele per le ferite postoperatorie ed offrire questo ai pazienti„ conclude il Dott. Khan. “Egualmente incoraggieremmo i pazienti a chiedere notizie su miele come opzione, ma sollecitiamo che dovrebbero seguire il consiglio del loro chirurgo e non provare sempre alcuni rimedi della casa.„