Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Scoperta della via chiave, obiettivi potenziali della droga nella malattia autoinflammatory

I biologi molecolari al centro del Cancro del Kimmel di Jefferson in Filadelfia hanno dettagliato la cascata degli eventi cellulari dietro alcune malattie autoinflammatory potenzialmente pericolose.

In tal modo, non solo hanno guadagnato una maggior comprensione del trattamento di malattia, ma egualmente hanno identificato i nuovi obiettivi potenziali della droga per le malattie che variano dall'artrite al cancro.

Riferendo nella cella molecolare del giornale, Emad Alnemri, Ph.D., professore della biochimica e biologia molecolare all'istituto universitario medico di Jefferson dell'università di Thomas Jefferson ed i suoi colleghe descriva come due proteine chiamate PSTPIP1 e pyrin interattivi per causare le malattie autoinflammatory, malattie ereditate caratterizzate dagli attacchi apparentemente non provocati e ricorrenti di febbre e di infiammazione. Tali malattie sono state trovate in gran parte per essere causate dai difetti in proteine che regolamentano l'infiammazione.

Secondo il Dott. Alnemri, i difetti in pyrin, per esempio, sono stati collegati a febbre Mediterranea familiare, ad una malattia a volte interna trovata nel Mediterraneo, a Medio Oriente e ad Europa. I difetti in PSTPIP1 sono stati collegati ad una malattia rara e autoinflammatory chiamata sindrome di PAPA. Le due proteine hanno funzionato apparentemente insieme nella stessa via infiammatoria, ma nessuno ha capito come queste proteine potrebbero piombo alla malattia.

Dott. Alnemri ed i suoi colleghe capiti come. Hanno trovato che i moduli mutanti di PSTPIP1 trovato in pazienti con la sindrome del PAPÀ possono accendere il pyrin, che finalmente piombo ad attivare una proteina infiammazione-causante potente, IL-1 beta. Una volta che attivato, IL-1 beta può causare l'infiammazione, la febbre e la produzione di altre sostanze relative.

Il Dott. Alnemri spiega, “Poiché le proteine mutanti PSTPIP1 interagiscono con il pyrin molto più forte del PSTPIP1 normale, essi causa l'attivazione incontrollata o esagerata del pyrin e conseguentemente la più secrezione di IL-1 beta in questi pazienti.„

Queste proteine ora si trasformano in in obiettivi terapeutici potenziali, il Dott. Alnemri dice. Per esempio, c'è un analogo sintetico IL-1 del ricevitore “l'antagonista„ Anakinra chiamato che è stato utilizzato con successo nei test clinici per trattare le malattie autoinflammatory, compreso la sindrome del PAPÀ e la febbre Mediterranea familiare, oltre ad altre malattie infiammatorie croniche quale l'artrite reumatoide.

Spiega che beta legature IL-1 ad un ricevitore sulla membrana cellulare che “induce il fenotipo infiammatorio.„ Anakinra imita IL-1 beta e lega allo stesso ricevitore, impedente IL-1 beta l'associazione e conseguentemente bloccante i sui effetti sulle celle. “Dettagliare questi meccanismi è non solo importante per la malattia autoinflammatory, ma per la maggior parte della malattia infiammatoria in generale.„

L'infiammazione cronica è stata collegata allo sviluppo di cancro, il Dott. Alnemri precisa. “IL-1 beta sembra svolgere un ruolo principale nella crescita del tumore. Le concentrazioni elevate di IL-1 beta sono state trovate nei moduli aggressivi del colon, del petto e dei cancri polmonari. Non è chiaro come IL-1 beta promuove la crescita del cancro, ma i dati suggeriscono quello oltre alla sua capacità di stimolare la produzione dei fattori infiammatori, egualmente stimolano le celle per produrre i fattori angiogenici per migliorare l'angiogenesi, o lo sviluppo della tumore-crescita che promuove i vasi sanguigni.„

Il Dott. Alnemri aggiunge che “i beta antagonisti IL-1 stanno esaminandi contro cancro nei modelli animali con successo notevole, in modo da potreste realmente potere trattare certi moduli di cancro mirando alle proteine a monte nelle vie infiammatorie, quali caspase-1, il pyrin o PSTPIP1 per fermare la generazione di IL-1 beta.„

Il gruppo pianificazione accanto a studia il ruolo di infiammazione nel cancro. I ricercatori vorrebbero studiare la partecipazione potenziale delle vie infiammatorie che hanno identificato e di se gli agenti antinfiammatori che potrebbero pregiudicare tali vie possono anche pregiudicare il cancro.