Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più di sei su dieci genti con il diabete stanno camminando intorno nelle scarpe sbagliato di taglia

Più di sei su dieci genti con il diabete stanno camminando intorno nelle scarpe sbagliato di taglia, esponentesi ai problemi seri del piede che potrebbero piombo all'amputazione, secondo la ricerca nell'emissione di novembre di IJCP, il giornale internazionale di pratica clinica.

Pubblicato per coincidere con la giornata mondiale del diabete (14 novembre) lo studio, dall'università di Dundee, è stato accolto favorevolmente da un esperto nella podologia. Dice che l'ulcerazione può avere implicazioni serie per i pazienti ed i servizi sanitari, compreso qualità di vita alterata, il rischio aumentato di amputazione e perfino i tassi di mortalità elevati.

Le nazioni unite, che hanno passato una risoluzione del punto di riferimento nel dicembre 2006 che riconosce il diabete poichè una malattia cronica, debilitante e costosa, ha designato per la prima volta la giornata mondiale del diabete come giornata delle nazioni unite ufficiale nel 2007.

E l'organizzazione mondiale della sanità ha detto che il numero della gente che soffre dal diabete potrebbe raddoppiarsi da ora al 2030 a 366 milioni e che 80 per cento delle amputazioni diabetiche del piede potrebbero essere impediti.

Cento pazienti hanno invecchiato 24 - 89 offerti volontariamente per partecipare allo studio di scarpa-dimensione effettuato ad una clinica diabetica generale alla facoltà di medicina dell'ospedale di Ninewells a Dundee, Scozia.

I pazienti che egualmente stavano assistendo allo specialista cliniche del piede che si è escluso, come erano pazienti che hanno avuti problemi stare o stavano indossando le calzature specialmente fornite.

“Tutti i pazienti hanno fatti i loro esaminare piedi completamente e misurato mentre erano sia sedentesi che stando„ spiega il Dott. Graham Leese del co-author, un consulente alla clinica, che fa parte dell'università di Dundee.

Il gruppo ha trovato che 63 per cento dei pazienti stavano indossando le scarpe sbagliato di taglia. Per esempio, 45 per cento stavano indossando l'installazione sbagliata di larghezza, con la maggioranza che è troppo stretta.

“Quando la gente sta sui loro piedi deformano mentre la volta plantare appiattisce ed il piede diventa più largamente e più lungamente„ spiega il Dott. Leese. “Catturando entrambi questi insiemi delle misure in considerazione, soltanto 37 per cento dei pazienti realmente stavano indossando le scarpe parte di destra di taglia.

“Interessante, i pazienti che non hanno avuti problemi con mancanza di sensibilità nei loro piedi - un problema comune con diabete - erano altrettanto probabili indossare le scarpe male adatte come coloro che ha fatto.

“Egualmente abbiamo scoperto che quasi un terzo dei pazienti ha detto che hanno catturato una dimensione differente della scarpa a quella realmente stavano indossando. Ciò non è aiutata dal fatto che le dimensioni della scarpa variano dal fanno da per fare.„

45 per cento dei volontari avevano avvertito i problemi precedenti con i loro piedi, compreso le ulcere, i callouses, le borsiti dell'alluce, i semi o il gonfiamento. Malgrado questo, 22 per cento non hanno controllato mai i loro propri piedi e soltanto 29 per cento li hanno controllati quotidiano.

I problemi del piede hanno potuto essere diminuiti dagli adulti che sono offerti i servizi dimisurazione in negozi di scarpe, dicono i ricercatori. Egualmente vorrebbero vedere i produttori sviluppare le dimensioni standardizzate della scarpa ed ampliare l'intervallo delle installazioni di larghezza e di lunghezza che offrono, particolarmente per i pazienti che non hanno sensibilità nei loro piedi.

L'esperto Andrea Parnes in podologia, dall'università di Ulster, acconsente. Precisa che, dato il disgaggio del problema, avrebbe significato commerciale affinchè i produttori lavori con i professionisti del settore medico-sanitario per ampliare i loro intervalli attuali.

In suo editoriale accompagnante richiede maggior ricerca sul problema, precisando che lo studio egualmente suscita inquietudini circa i pazienti con i termini come l'artrite reumatoide.

La questione attuale di IJCP egualmente comprende un supplemento speciale, che esprime l'appoggio per la risoluzione della nazione unita sul diabete ed evidenzia gli esempi pratici che sono stati indicati per migliorare la cura del diabete.

Questi variano dal sollevare la consapevolezza di governo universalmente ad autorizzare i pazienti alle basi a livello.