Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Disturbo borderline di personalità di fondo trovato anomalie del cervello

Facendo uso di nuovi approcci, un gruppo interdisciplinare degli scienziati all'ospedale NewYork-Presbiteriano/centro medico di Weill Cornell in New York ha guadagnato una visualizzazione di attività nelle aree chiave del cervello connesse con una difficoltà di memoria in pazienti con disturbo borderline di personalità -- fare nuovo indicatore luminoso su questo stato psichiatrico serio.

“È inizi ancora, ma il lavoro sta segnando le differenze con esattezza funzionali in neurobiologia della gente in buona salute contro le persone con il disordine mentre tentano di gestire il loro comportamento in un contesto emozionale negativo. Tali comprensioni iniziali possono contribuire a fornire le fondamenta per le migliori, terapie mirate a giù la riga,„ spiega il Dott. David A. Silbersweig, lo Stephen P. Tobin e professore del Dott. Arnold M. Cooper della psichiatria e professore del ricercatore del cavo della neurologia all'istituto universitario medico di Weill Cornell e ad assistere allo psichiatra ed al neurologo all'ospedale NewYork-Presbiteriano/centro medico di Weill Cornell.

I risultati sono descritti nell'edizione di questo mese del giornale americano della psichiatria.

Il disturbo borderline di personalità è una malattia mentale devastante che pregiudica fra 1 - 2 per cento degli Americani, causanti la rottura incalcolabile delle vite e delle relazioni dei pazienti. Tuttavia, la sua biologia di fondo non è capita molto bene. Gli marchi di garanzia della malattia comprendono il impulsivity, l'instabilità emozionale, le difficoltà interpersonali e una preponderanza delle emozioni negative quale rabbia -- quale può incoraggiare o essere associato con abuso di sostanza, comportamenti autodistruttivi e perfino il suicidio.

“In questo studio, il nostro gruppo di collaborazione ha osservato specificamente il nesso fra le emozioni e il impulsivity negativi -- la tendenza della gente con disturbo borderline di personalità “recita in maniera distruttiva„ in presenza di rabbia,„ il Dott. Silbersweig spiega. “Altri studi hanno esaminato gli stati emozionali negativi o questo tipo di disinhibition comportamentistico. I due sono connessi molto attentamente ed abbiamo voluto scoprire perché. Quindi abbiamo messo a fuoco i nostri esperimenti sull'interazione fra gli stati emozionali negativi e l'inibizione comportamentistica.„

Le tecnologie avanzate di cervello-scansione sviluppate dal gruppo di ricerca hanno permesso di individuare i centri del cervello di interesse con la maggior sensibilità.

“Il lavoro precedente dal nostro gruppo ed altri avevano suggerito che un'area alla base del cervello all'interno della corteccia prefrontale ventromedial fosse chiave alla capacità della gente di reprimere i comportamenti in presenza di emozione,„ il Dott. Silbersweig spiega.

Purtroppo, tenere la carreggiata l'attività in questa regione del cervello è stato estremamente difficile facendo uso della risonanza magnetica funzionale (fMRI). “dovuto la sua posizione particolare, ottenete molta perdita del segnale,„ il ricercatore spiegate.

Tuttavia, il gruppo di Weill Cornell ha usato una sonda speciale di attivazione del fMRI che si sono sviluppati per eliminare molta di quell'interferenza. Ciò ha aperto la strada per lo studio, che ha incluso 16 pazienti con disturbo borderline di personalità e 14 comandi sani.

Il gruppo egualmente ha usato un approccio neuropsicologico adattato del fMRI per osservare l'attività nella corteccia prefrontale ventromedial degli oggetti mentre hanno eseguito che cosa la chiamata comportamentistica “go/no dei ricercatori della neuroscienza va„ prove.

Queste prove a ripetizione richiedono ai partecipanti di stampare o trattenersi dallo stampare un bottone ogni volta che ricevono le indicazioni visive particolari. In una torsione dall'approccio usuale, la prestazione del compito con le parole negative (relative a psicologia limite) è stata contrapposta con la prestazione del compito quando usando le parole neutrali, per rivelare come le emozioni negative pregiudicano la capacità dei partecipanti di eseguire il compito.

Come previsto, parole emozionali negative causate i partecipanti con disturbo borderline di personalità per incontrare più difficoltà con il compito attuale e da agire più impulsivo -- trascuratezza delle indicazioni visive per fermarsi come hanno stampato ripetutamente il bottone.

Ma che cosa era realmente interessante era che cosa ha rivelato su fMRI.

“Abbiamo confermato che parti di ricambio della corteccia prefrontale ventromedial -- la corteccia anteriore subgenual del cingulate e le aree orbitofrontal mediali della corteccia -- era relativamente meno attivo in pazienti contro i comandi,„ il Dott. Silbersweig dice. “Queste aree sono probabilmente chiave a facilitare l'inibizione comportamentistica in circostanze emozionali, in modo da se underperforming che potessero contribuire al disinhibition uno così spesso vedono con disturbo borderline di personalità.„

Allo stesso tempo, il gruppo di ricerca osservato ha intensificato i livelli di attivazione durante le prove in altre aree dei cervelli dei pazienti, compreso l'amigdala, un luogo per le emozioni quali rabbia e timore ed alcuni di altre regioni limbiche del cervello, che sono collegate a trattamento emozionale.

“Nella regione frontale e nell'amigdala, il grado a cui le aberrazioni del cervello ha accaduto è stato correlato molto attentamente al grado con cui i pazienti con disturbo borderline di personalità hanno incontrati difficoltà clinica gestire il loro comportamento, o ha incontrato difficoltà con emozione negativa, rispettivamente,„ note del Dott. Silbersweig.

Lo studio fa luce non solo su disturbo borderline di personalità, ma sui meccanismi le persone in buona salute contano sopra per porre freno i loro carattere di fronte a forte emozione.

Eppure, i pazienti che lottano con il disturbo borderline di personalità stanno per trarre giovamento la maggior parte da questa ricerca approfondita. Un commento accompagnante del giornale contrassegna lo studio “rigoroso„ e “sistematico,„ ed uno del primo per convalidare con neuroimaging che scienziati avevano potuti soltanto indovinare a prima.

“Il più questo tipo di lavoro ottiene fatto, più la gente capirà che la malattia mentale non sia la faglia del paziente -- quello là è circuiti nel cervello che gestiscono queste funzioni in esseri umani e che questi disordini sono legati alle rotture fondamentali in questi circuiti,„ il Dott. Silbersweig dice. “La nostra speranza è che tali comprensioni contribuiranno ad erodere la malattia psichiatrica circostante del marchio di infamia.„

La ricerca ha potuto anche contribuire a piombo per migliorare il trattamento.

Come precisato nel commento, la ricerca può contribuire a spiegare come le terapie biologiche o psicologiche specifiche potrebbero facilitare i sintomi di disturbo borderline di personalità per alcuni pazienti, indirizzando la biologia di fondo del impulsivity nel contesto di emozione negativa in modo schiacciante. Più scienziati capiscono le aberrazioni neurologiche che provocano il disordine, maggior la speranza per le nuove, droghe altamente mirate a o altri interventi terapeutici.

“Andando in avanti, pianificazione verificare le ipotesi circa i cambiamenti in queste regioni del cervello connesse con i vari tipi di trattamenti,„ il Dott. Silberswieg dice. “Tale lavoro da noi stessi e da altri ha potuto contribuire a confermare questi risultati iniziali ed ad indicare la strada migliorare le terapie.„

Questo lavoro è stato costituito un fondo per dalle fondamenta di ricerca di disturbo borderline di personalità e dal fondo di DeWitt Wallace della fiducia della Comunità di New York.

i Co-ricercatori includono il Dott. senior Emily Stern dell'autore come pure il Dott. John F. Clarkin, il Dott. Martin Goldstein, il Dott. Otto F. Kernberg, il Dott. Oliver Tuescher, il Dott. Kenneth N. Levy, il Dott. Gary Brendel, il Dott. Hong Pan, il Dott. Manfred Beutel, il Dott. Jane Epstein, il Dott. segno F. Lenzenweger, il Dott. Kathleen M. Thomas, il Dott. Michael I. Posner e Michelle T. Pavony -- tutto l'ospedale NewYork-Presbiteriano/centro medico di Weill Cornell.