Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le molecole hanno potuto identificare i pazienti ad alto rischio di acuto-leucemia

La nuova ricerca suggerisce che determinate piccole molecole abbiano usato dalle celle per gestire le proteine che fanno potrebbero anche aiutare medici ad identificare i pazienti adulti di acuto-leucemia che sono probabili rispondere male alla terapia.

I ricercatori dicono che i risultati dovrebbero migliorare la comprensione della leucemia mieloide acuta (AML) e potrebbero piombo alle nuove terapie per i pazienti con poche opzioni del trattamento.

Lo studio ha esaminato i livelli di molecole chiamate microRNAs in celle di leucemia da 122 pazienti con alto- e il intermedio-rischio AML ed in cellule staminali di sangue normali da 10 donatori in buona salute.

I risultati hanno indicato che le entrambe celle di leucemia e le loro controparti normali hanno avute simili generi di microRNA, ma che i due gruppi hanno differito nei livelli di miRNAs presenti.

La ricerca egualmente ha identificato anormalmente due microRNAs presenti agli alti livelli che sono stati associati chiaramente con la sopravvivenza paziente.

I ricercatori hanno verificato i loro risultati in un gruppo supplementare di 60 pazienti che usando una tecnologia differente.

Lo studio, pubblicato il 10 gennaio online nel sangue del giornale, piombo dai ricercatori con il centro completo del Cancro di Ohio State University ed il centro del Cancro di M.D. Anderson.

“Se i nostri risultati sono convalidati da altri gruppi, questi due microRNAs elevati possono essere usati per determinare quali pazienti richiedono il trattamento più aggressivo,„ dice il primo Dott. Ramiro Garzon, assistente universitario di medicina interna e un ricercatore dell'autore con il centro completo del Cancro di Ohio State University.

“Inoltre, possono fornire i nuovi obiettivi per le terapie future - tramortire questi due microRNAs potrebbe avvantaggiare i pazienti che hanno una prognosi difficile.„

Questa possibilità è particolarmente intrigante, dice, perché i due microRNAs - miR-191 e miR-199a chiamati - egualmente sono associati con i cancri del polmone, della prostata, del colon, dello stomaco e del petto. Ciò suggerisce che possano fa parte di una via comune del cancro.

Garzon ha notato che lo studio egualmente ha trovato che un'associazione fra gli alti livelli di un microRNA chiamato miR-155 nei pazienti di AML e una mutazione genetica ha chiamato FLT3-ITD. Gli alti livelli di questo microRNA sono stati riferiti in altri cancri e causare la leucemia in mouse.

“Chiaramente, i nostri risultati lo suggeriscono che la quantità di microRNAs presenti sia importante nel cancro, suggerire quello che modula i loro livelli potrebbe offrire un modo efficace di trattare la malattia in questi pazienti,„ dice.

Per questo studio, Garzon ed i suoi colleghi hanno usato i campioni di sangue dai pazienti recentemente diagnosticati di AML che hanno avuti qualsiasi cromosomi normale di aspetto, una funzionalità che indica il rischio intermedio di ricorrenza, o altre alterazioni del cromosoma. Questi hanno compreso la sindrome di Down isolata 8, lo spostamento di t (11q23) e le anomalie cromosomiche multiple che segnalano un ad alto rischio della ricorrenza.

Insieme, questi gruppi compongono la maggior parte di 13,400 persone prevedute di essere diagnosticato con AML nel 2007. Circa 9,000 persone che l'anno si è pensato che muoia della malattia.

“I nostri sforzi ora dovrebbero concentrarsi sulla caratterizzazione come questi microRNAs alterati potrebbero promuovere la leucemia e sulle droghe di sviluppo destinate per inibire il loro atto,„ del Garzon dice.