Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori trovano la base neurologica della depressione dopo la commozione cerebrale di sport

I ricercatori all'istituto neurologico di Montreal della McGill University hanno identificato la base neurologica della depressione in atleti maschii con i sintomi di persistenza di post-commozione cerebrale.

Lo studio, pubblicato nell'emissione di questa settimana degli archivi della psichiatria generale, ha implicazioni cliniche importanti per il trattamento delle persone che hanno sofferto una commozione cerebrale cerebrale.

La depressione è uno di una serie di sintomi di persistenza sperimentati dagli atleti dopo la commozione cerebrale di sport. La prevalenza della depressione nella popolazione in genere è intorno 5%, mentre la prevalenza della depressione nei pazienti di trauma capo può raggiungere un 40% sbalordente.

“Finora, pochissimo è stato conosciuto circa la base neurologica della depressione riferita frequentemente dagli atleti dopo la commozione cerebrale, 'dice il Dott. Alain Ptito, neuropsicologo e ricercatore al MNI e principale inquirente per lo studio. I metodi di collaudo tradizionali per la commozione cerebrale hanno dato i risultati normali senza i deficit conoscitivi o neurologici ovvi. I reclami persistenti sono stati percepiti come soggettivi e mal definiti senza base neurologica. La lesione alla commozione cerebrale seguente del cervello ha luogo ad un livello microscopico ed è quindi difficile da misurare in un paziente.

Facendo uso di tecnologia dell'immagine migliorata del cervello, i ricercatori ora possono guadagnare le nuove comprensioni nel danno causato dalla commozione cerebrale. “Facendo uso della risonanza magnetica funzionale (fMRI), una tecnica di rappresentazione automatizzata che misura i livelli dell'ossigeno di sangue, potevamo individuare le aree del cervello con attività neurale anormale,„ il Dott. spiegato Ptito. Il Dott. Ptito e colleghi ha esaminato cinquantasei atleti maschii, 40 con la commozione cerebrale e 16 comandi sani. Facendo uso di un indice analitico della depressione, 16 degli oggetti concussed non hanno avuti sintomi della depressione, 16 hanno espresso la depressione delicata e 8 hanno avuti sintomi moderati delle depressioni. Gli atleti Concussed con la depressione indicata hanno diminuito l'attività di cervello nelle regioni conosciute per essere implicato nella depressione, specificamente, la corteccia e lo striatum prefrontale dorsolateral e la disattivazione attenuata in frontale mediale e nelle regioni temporali. Abbiamo scoperto che gli oggetti concussed con la depressione hanno presentato con lo stesso reticolo dell'attivazione del cervello di che veduto per i pazienti con la depressione principale.„

Altri studi hanno indicato un collegamento fra una cronologia del trauma cranico e la probabilità di sviluppare la depressione principale più successivamente nella vita. Di conseguenza capire la patologia della depressione negli oggetti concussed ha implicazioni importanti per intervento e risultati di successo iniziali.