Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori disarmano il virus di Ebola

Il virus di Ebola micidiale, una preoccupazione emergente di salute pubblica in Africa e un'arma biologica potenziale, si allinea fra più temuto degli agenti patogeni instabili.

dovuto la sua natura virulenta e perché non ci sono vaccini o i trattamenti disponibili, gli scienziati che studiano l'agente hanno dovuto lavorare nell'ambito dei protocolli di biocontainment più rigorosi, limitanti la ricerca ad alcuni laboratori altamente specializzati ed ostacolanti la capacità degli scienziati di sviluppare le contromisure.

Ora, tuttavia, un gruppo dei ricercatori dall'università di Wisconsin-Madison ha capito un modo geneticamente disarmare il virus, efficacemente limitante lo ad un insieme delle celle specializzate e facente la cassaforte dell'agente per studiare nelle circostanze molto rigorose che quelle corrente imposte.

“Abbiamo voluto fare il virus di Ebola biologicamente contenuto,„ spieghiamo Yoshihiro Kawaoka, un professore delle scienze pathobiological nel banco diUW-Madison di medicina veterinaria e nell'autore senior di un documento che descrive il sistema per contenere il virus pubblicato oggi (21 gennaio 2008) negli atti dell'Accademia nazionale delle scienze. “Questo è un grande sistema.„

Il virus di Ebola in primo luogo è emerso nel 1976 con gli scoppi nel Sudan e nello Zaire. Ci sono parecchi sforzi del virus, che causa la febbre emorragica e durante gli scoppi uccide dovunque da 50-90 per cento delle sue vittime umane.

Attualmente, la ricerca sul virus di Ebola in tensione è limitata all'più ad alto livello di sicurezza biologica, conosciuto come Livello di sicurezza biologica 4 (BSL 4). Poiché tali laboratori sono rari, piccoli e molto costosi, la ricerca di base che è la base affinchè tutti i droghe o vaccini potenziali contrastasse il virus è stata forse mezza dozzina limitata dei laboratori universalmente. Il sistema inventato da Kawaoka ed i suoi colleghi hanno potuto fornire un modo notevolmente ampliare gli studi dell'agente patogeno ed accelerare lo sviluppo delle contromisure.

Il virus di Ebola domante, secondo il nuovo studio, dipende da un singolo gene conosciuto come VP30. Come la maggior parte dei virus, Ebola è un indigente genetico. Ha soltanto otto geni e dipende dalle cellule ospiti per fornire gran parte del macchinario molecolare per rendergli un riuscito agente patogeno. Il gene del VP30 del virus fa una proteina che gli permette di ripiegare in cellule ospiti. Senza la proteina, il virus non può svilupparsi.

“Il virus alterato non si sviluppa in alcune celle normali,„ dice Kawaoka. “Abbiamo fatto le celle che esprimono la proteina VP30 ed il virus può svilupparsi in quelle celle perché la proteina mancante è fornita dalla cella.„

Ha richiesto gli anni, Kawaoka spiega, per trovare quale proteina virale non era tossica alle celle e potrebbe essere usata così per mettere a punto un sistema, facendo uso delle celle del rene della scimmia, per limitare il virus.

E Kawaoka, un virologo internazionalmente celebre, è convinto della sicurezza di nuovo sistema: “Abbiamo fatto questo lavoro in un BSL 4 e le celle alterate non hanno prodotto alcun virus contagioso dopo molti passaggi o cicli della replica.„

A eccezione che non può da svilupparsi in qualche cosa ma le celle costruite per esprimere la proteina VP30, il virus è identiche all'agente patogeno trovato nel selvaggio, rendendo l'ideale per gli studi su biologia di base, a sviluppo del vaccino e schermare per i composti antivirali.

“Questo sistema può essere usato per la selezione della droga e per produzione vaccino,„ Kawaoka dice, notando quello che ottiene la strumentazione ed i composti per tali lavoro in un laboratorio di BSL 4 è estremamente difficili. “L'alta selezione di capacità di lavorazione (per le droghe) in un BSL 4 è quasi impossibile.„

Corrente, il virus di Ebola in tensione può essere studiato soltanto in un laboratorio di BSL 4. Tutta la proposta da permettere di studiare l'agente patogeno nei laboratori più bassi del livello della sicurezza è determinata generare la controversia.

Ma secondo Kawaoka, mettere a disposizione l'agente per lo studio di più vasta sezione trasversale di scienza è essenziale per contrastare il virus che uccide un'alta percentuale delle sue vittime perché non ora c'è difesa contro di. Un nuovo sforzo di Ebola, che finora è emerso soltanto nelle regioni isolate del mondo, recentemente è stato identificato nell'Uganda ed ha ucciso almeno 40 persone.

“Questo è un virus emergente ed è altamente letale,„ Kawaoka dice. “Ma a causa del requisito di BSL 4, conoscenza di questo virus è limitato.„