Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I probiotici aiutano a mantenere gli atleti d'elite in forma e ben

Secondo l'ultima ricerca australiana il sistema immunitario dei maratoneti si arricchisce di probiotici - integratori alimentari contenenti batteri potenzialmente benefici o lieviti.

In uno studio condotto da ricercatori dell'Australian Institute of Sport di Canberra, una ventina di atleti di sesso maschile, competizione in manifestazioni che vanno dalle 800 alle maratone, sono stati arruolati in un esperimento che ha coinciso con programmi intensivi di formazione inverno.

Gli atleti erano sia dato il probiotico Lactobacillus fermentum in polvere liofilizzata, come capsule di gelatina, oppure una capsula finta sosia chiamato un placebo che contiene amido innocuo.

Lactobacillus fermentum è un batterio acido lattico, che è considerato un trattamento utile per la diarrea e le infezioni intestinali altri.

I probiotici sono sempre più diffusi nei prodotti alimentari, soprattutto lattobacilli, che è il germe che fornisce il sapore aspro nello yogurt e altri alimenti caseari fermentati, si ritiene che rafforzare la flora intestinale e stimolare il sistema immunitario contro le malattie.

Né gli atleti né i ricercatori sapevano che hanno ricevuto quale capsule o quando.

Gli esperti suggeriscono che l'esercizio fisico estremo e intensivo può sottomettere il normale sistema immunitario, rendendo atleti vulnerabili ai virus respiratori.

Gli atleti ha preso le capsule al giorno per un periodo di quattro settimane, seguito da quattro settimane "periodo di washout", in cui non abbiamo preso nulla, ma poi ha preso il placebo per quattro settimane, seguito da un altro "washout".

Il ricercatore David Pyne dice, anche se il bug non ha cambiato la prestazione atletica ha fatto ridurre le malattie respiratorie.

Si è constatato che sette dei corridori riferito di aver avuto problemi respiratori, come un mal di gola, tosse, naso che cola, congestione del torace e starnuti nei giorni in cui hanno preso il placebo.

Questi problemi sono stati registrati su un totale di 72 giorni e valutato in media 1,7 su una scala di gravità, dove tre è stato il massimo dei voti.

Ma quando hanno preso i probiotici, solo tre dei corridori segnalato problemi respiratori e sintomi avvenuta solo 30 giorni e valutato 1,0 per gravità.

Gli esami del sangue hanno rivelato che i livelli di interferone gamma, una molecola importante del sistema immunitario nella lotta contro le infezioni virali, raddoppiato durante il periodo di "probiotici".

I ricercatori hanno scoperto gli atleti dato un integratore probiotico ha subito l'influenza meno gravi e sintomi di raffreddore altri atleti e la loro malattia generalmente è durato anche solo la metà del tempo di coloro che non prendere il supplemento.

Dr. Pyne dice probiotici sembrano aumentare l'immunità sistemica, eventualmente aumentando l'attività delle cellule T.

Essi suggeriscono il miglioramento della resistenza alle malattie comuni costituisce un "importante beneficio per gli atleti d'elite impresa di formazione di alto livello in preparazione per competizioni nazionali ed internazionali.

Lo studio è pubblicato sul British Journal of Sports Medicine.

Tuttavia un altro studio condotto da ricercatori olandesi, mette in guardia contro l'uso dei probiotici nel trattamento di pazienti con una malattia pericolosa del pancreas chiamato pancreatite acuta grave.

Dicono più del doppio di molti pazienti con la data condizione integratori probiotici per prevenire le infezioni sono morti rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.

Tra 296 volontari, 24 persone tra il gruppo probiotici sono morti, un tasso di mortalità del 16 per cento, rispetto ai nove (sei per cento) nel gruppo placebo.

Questo studio è pubblicato su The Lancet.