Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La scansione di CT può nuocere ai reni, ma la droga economica può aiutare

Poichè sempre più gli Americani subiscono le scansioni di CT ed altre scansioni di imaging biomedico che comprendono i raggi x intensi, un nuovo studio suggerisce che molti di loro dovrebbero catturare una droga di pre-esplorazione che potrebbe proteggere i loro reni da danno.

La droga economica, chiamata N-acetilcisteina, può impedire il danno serio del rene che può essere causato dal iodio-contenere “tinge„ quell'uso di medici migliorare la qualità di tali scansioni.

Che “tintura,„ l'agente chiamato di contrasto, è dato solitamente per via endovenosa prima di una scansione di CT, dell'angiogramma o dell'altra prova. Ma il nuovo studio mostra che quello catturare una compressa dell'N-acetilcisteina prima della ricezione dell'agente di contrasto può proteggere i pazienti - e quello funziona meglio di altre medicine che sono state proposte per lo stesso scopo.

La gente di cui i reni sono già vulnerabili, compreso molta gente più anziana e quelle con il diabete o l'infarto, è le la maggior parte che al rischio dagli agenti di contrasto e che ha il la maggior parte da guadagnare dalla cattura della droga.

I ricercatori dal sistema di salubrità dell'università del Michigan hanno svolto lo studio, che è pubblicato negli annali di medicina interna. È una meta-analisi dei dati da 41 ha ripartito le probabilità sugli studi controllati che hanno valutato le varie droghe per i loro effetti rene-proteggenti. Piombo da Aine Kelly, M.D., M.S., un assistente universitario nel dipartimento della radiologia alla facoltà di medicina di U-M.

Soltanto l'N-acetilcisteina ha impedito chiaramente dalla la nefropatia indotta da contrasto, il nome medico per danno del rene causato al contrario gli agenti. La teofillina, un'altra droga che è stata veduta come agente rene-proteggente possibile, non ha diminuito significativamente il rischio. Altre droghe non hanno avute effetto ed uno, furosemide, ha sollevato il rischio del rene.

“Il nostro scopo è di migliorare la sicurezza e qualità di queste prove del terreno comunale studiando le droghe che diminuiscono il rischio di insufficienza renale,„ dice l'autore Ruth senior Carlos, M.D., professore associato della radiologia.

Delicato moderare il danno del rene si presenta in uno in quattro genti ad alto rischio che ha scansioni di CT ed in altrettanto mentre una in dieci genti con il rene normale funziona. In alcuni casi, causa l'insufficienza renale acuta.

“Milioni di persone ricevono ogni anno l'agente di contrasto, includendo la maggior parte dei pazienti di cuore che hanno le angioplastie e stents come pure quelli che hanno una scansione di CT. I medici di guide dell'agente di contrasto vedono le cose che dobbiamo vedere, ma egualmente posa un rischio qualche gente,„ dice Kelly. “Questa droga, che è rapida, conveniente, economica ed ampiamente - disponibile, senza gli effetti secondari importanti, sembra essere la migliore scelta per proteggere quelli di cui i reni sono la maggior parte al rischio.„

Soltanto studi che gli agenti iodio-contenenti endovenosi implicati di contrasto e rispetto una droga ad acqua o ad un controllo salino, sono stati compresi nell'analisi. Gli agenti orali di contrasto del bario “del frappé„, utilizzati nelle scansioni di CT dell'apparato digerente, non causano il danno del rene e non erano inclusi.

Lo studio egualmente non ha valutato i modi potenziali proteggere da danno del rene dagli agenti di contrasto del gadolinio utilizzati nelle scansioni di MRI (imaging a risonanza magnetica). Dal maggio 2007, quegli agenti di contrasto hanno portato un avviso dagli Stati Uniti Food and Drug Administration circa il rischio ai reni.

Kelly, Carlos ed i loro colleghi hanno svolto lo studio per provare ad ottenere una risposta costante ad una domanda che ha specialisti di imaging biomedico di puzzle per anni.

Sebbene molte droghe siano state provate per la prevenzione dalla della nefropatia indotta da contrasto in relazione con lo iodio, la prova contraddittoria è emerso dagli studi di come funzionano. Il risultato è stato la variazione diffusa in che ospedali e centri di imaging biomedico faccia prima della scansione del paziente.

Sebbene una prova futura che confronta l'N-acetilcisteina direttamente ad altre droghe dovrebbe essere condotta per verificare i risultati del gruppo di U-M, il gruppo spera che il suo nuovo studio contribuisca a guidare sia i clinici che i pazienti.

Infatti, Kelly dice, i pazienti che sanno hanno indebolito i reni - funzione renale alterata anche chiamata - dovrebbero parlare su quando il loro medico ordina una scansione, l'angiogramma o l'angioplastia di CT e che si assicurano che ottengano in anticipo una compressa di N-acetilcisteina.

E, poiché la maggior parte dei problemi del rene non causano sintomi, anche la gente in buona salute potrebbe volere chiedere ai loro medici di verificare i loro livelli della creatinina nel sangue prima dell'invio loro una scansione.

I livelli della creatinina salgono quando i reni non stanno funzionando efficientemente. dalla la nefropatia indotta da contrasto è definita come i 25 per cento o un maggior aumento in creatinina in 48 ore di ricezione dell'agente di contrasto. Il nuovo studio ha valutato l'impatto delle medicine di pre-esplorazione esaminando il loro impatto ai livelli della creatinina dei pazienti, come sostituto per la funzione del rene.

Il problema dalla della nefropatia indotta da contrasto è relativamente recente - un sottoprodotto dell'aumento drammatico nell'uso delle scansioni di CT e delle procedure guida raggi x quale angioplastia.

Il vantaggio di queste scansioni non è in questione: I raggi x intensi possono rivelare le informazioni apprezzate sulle ferite, sulle malattie e sulla risposta dei pazienti al trattamento. Iodio-contenendo gli agenti permetta che medici migliorino le scansioni ancora ulteriori, dando meglio “il contrasto„ fra i vasi sanguigni ed il tessuto, perché i raggi x sono sparsi diversamente da iodio. Ma mentre lo iodio è portato dal sangue ai reni ed è filtrato nell'urina, lo iodio può rovesciare il bilanciamento delicato che tiene il funzionamento dei reni.

Negli ultimi anni, i produttori degli agenti di contrasto hanno cominciato ad offrire le formulazioni differenti che possono comportare meno rischio ai reni dei pazienti. Lo basso iodio più costoso e gli agenti senza iodio sono a disposizione particolarmente dei pazienti vulnerabili ed alla gente che è allergica a iodio. Ma per tutti gli altri, gli specialisti di imaging biomedico hanno provato a trovare i modi impedire il danno.

l'N-acetilcisteina è già ampiamente usata rimuovere il muco nei pazienti di fibrosi cistica e trattare le dosi eccessive di acetaminofene. Egualmente sta studianda per altri usi.

Le compresse dell'N-acetilcisteina di prescrizione-resistenza sono economiche - circa 25 centesimi per una compressa da 500 milligrammi - e sgrossato dalla maggior parte delle farmacie. Ha pochi effetti secondari. I moduli non quotati in borsa di supplemento della droga non dovrebbero essere usati per la protezione del rene di pre-esplorazione.

Oltre a Kelly ed a Carlos, gli autori dello studio sono Ben Dwamena, M.D. e Paul Cronin, M.B.B.Ch., entrambi gli assistenti universitari della radiologia e Steven J. Bernstein, M.D., il MPH, professore di medicina interna. Lo studio è stato costituito un fondo per dagli istituti della sanità nazionali e dall'istituto nazionale contro il cancro e dall'GE-Associazione di Kelly dell'amicizia accademica di ricerca nella radiologia dei radiologi dell'università. Nessuno degli autori ha connessioni finanziarie con i produttori delle droghe o degli agenti di contrasto studiati.

Riferimento: Annali di medicina interna, il 19 febbraio 2008, emissione 4 del volume 148