Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio mostra gli effetti della vitamina D e della fisiologia dell'interfaccia

I ricercatori dalla scuola di medicina di Boston University (BUSM) hanno trovato che la produzione di previtamin D3 varia secondo parecchi fattori compreso il tipo dell'interfaccia e le condizioni atmosferiche.

Lo studio comparirà nell'edizione del marzo 2008 del giornale dell'osso e della ricerca minerale.

L'eccessiva esposizione a luce solare non provoca intoxification di vitamina D perché il previtamin D3 ed il vitamina D3 photolyzed a parecchi photoproducts. Durante l'inverno alle altitudini superiore a ~35 gradi, c'è minimo se tutta la produzione di previtamin D3 nell'interfaccia. La pigmentazione aumentata dell'interfaccia, l'applicazione di una protezione solare, l'invecchiamento e l'abbigliamento hanno un effetto drammatico su produzione di previtamin D3 nell'interfaccia. È stato speculato che la gente che vive alle più alte altitudini può potere produrre più efficientemente il vitamina D3 nella loro interfaccia perché c'è meno ozono per assorbire i fotoni di UVB.

Quarantacinque residenti della casa di cura che stavano catturando un multivitaminico che contenuto 400 IU del vitamina D2 ha mostrato un declino drammatico nei loro 25 (l'OH) livelli di D dalla conclusione dell'estate all'inizio di seguente estate. Quarantanove per cento, 67 per cento, 74 per cento e 78 per cento dei residenti della casa di cura erano ad agosto vitamina D carente, novembre, febbraio e maggio rispettivamente.

Quindici adulti in buona salute hanno invecchiato l'esposizione ricevuta 20-53 tre volte alla settimana da un letto d'abbronzatura commerciale che ha emesso cinque per cento della sua energia UV nell'intervallo 290-320 nanometro di UVB alla maggior parte del loro organismo mentre in un costume da bagno. 25 (l'OH) livelli di D erano settimanale risoluto per complessivamente sette settimane.

L'esposizione di deidrocolesterolo 7 ad irradiamento d'abbronzatura del letto ha rivelato -1 per cento di produzione del previtamin D dopo un minuto e un aumento lineare a -10 per cento a 10 minuti. Dopo una settimana, c'era un aumento di 50 per cento in 25 (l'OH) livelli di D che hanno continuato ad aumentare durante cinque settimane - -150 per cento sopra i livelli del riferimento. I livelli di sangue di 25 (l'OH) D plateaued dopo cinque settimane e sono stati sostenuti fuori a sette settimane.

“La carenza di vitamina D è comune in entrambi i bambini ed adulti universalmente,„ ha detto Michael Holick, PhD, MD, Direttore del centro di ricerca clinico generale e professore di medicina, della fisiologia e della biofisica a BUSM e dell'autore senior di questo studio. “L'esposizione alle lampade che emettono la radiazione di UVB è una sorgente eccellente per la produzione del vitamina D3 nell'interfaccia ed è particolarmente efficace in pazienti con le sindromi grasse di malabsortion.„

È stato osservato che vivendo alle più alte altitudini ed essendo a carenza più incline di vitamina D contrassegnato aumenta il rischio di molti cancri micidiali compreso cancro del colon, la prostata, il petto e l'esofago, secondo Holick, che è egualmente Direttore della clinica di sanità dell'osso e del laboratorio di ricerca di vitamina D, dell'interfaccia e dell'osso al centro medico di Boston University. Vivendo alle più alte altitudini egualmente aumenti il rischio di avere ipertensione, tipo il diabete di I, sclerosi a placche ed altre malattie autoimmuni e malattie infettive compreso la tubercolosi e l'influenza.

Secondo i ricercatori, la maggior parte dei esperti ora acconsentono che un minimo di 1000 IU del vitamina D3 al giorno è necessario da mantenere le concentrazioni di circolazione di 25 (l'OH) D.