Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Maschio-femmina transessuali hanno livelli più elevati di androgeni, sindrome dell'ovaio policistico non

Contrariamente a studi precedenti, maschio-femmina transessuali non è necessario una maggiore prevalenza della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), anche se hanno significativamente più elevati livelli di androgeni, secondo un nuovo studio accettato per la pubblicazione nel Journal of Clinical Endocrinology & metabolismo (JCEM).

PCOS è un disturbo endocrino con una miriade di cisti doloroso correlati ai piccoli a sintomi sulle ovaie. È caratterizzata da sovrapproduzione di ormoni maschili nelle femmine. Fino ad ora, è stato ipotizzato che la prevalenza di PCOS nel maschio-femmina transessuali è supera al normale.

"Numerosi studi hanno riportato una maggiore prevalenza di PCOS nel maschio-femmina transessuali, ma i numeri dei pazienti erano piccoli e ultrasuoni non è stato utilizzato per la diagnosi," ha detto Dr. Andreas Mueller di Erlangen University Hospital di Erlangen, Germania. "Questa è la prima valutazione potenziale endocrina del maschio-femmina transessuali utilizzando criteri di stato-of-the-art aggiornate che incorpora l'ecografia transvaginale per diagnosticare PCOS o hyperandrogenemia".

Ricercatori hanno usato biochimici, clinici e criteri ad ultrasuoni per diagnosticare PCOS in un gruppo di 61 maschio-femmina transessuali, utilizzando le procedure diagnostiche complete descritto in istituti nazionali di salute 1990 e Rotterdam 2003 criteri. Questi risultati sono stati confrontati prospetticamente con quelli di 94 sani controlli non selezionati.

Secondo i ricercatori, ai livelli più alti di androgeni sono suscettibili di essere di origine ovarica, anche se potrebbe essere a causa di automedicazione non rilevato con androgeni prima inclusione nello studio. Maschio-femmina transessuali sono stati esaminati prospetticamente prima di ricevere qualsiasi terapia androgeno. Nell'analisi sono stati inclusi soli i pazienti che hanno confermato che non aveva preso alcuna preparazione dell'ormone.

Altri ricercatori lavorano sullo studio includono Louis J. Gooren della Free University Medical Center di Amsterdam, Paesi Bassi; e Susanne Naton-Schotz, Susanne Cupisti, Matthias Beckmann e Ralf Dittrich di Erlangen University Hospital di Erlangen, Germania.

Una versione di rilascio rapido di questo documento è stata pubblicata on-line e apparirà nel numero di aprile 2008 di JCEM, una pubblicazione della società endocrino.

http://www.endo-Society.org