Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le vittime di Alzheimer possono trarre giovamento dal composto della cannabis

Gli Scienziati stanno suggerendo che la cannabis possa offrire un certo vantaggio per le vittime di Alzheimer.

Gli scienziati dall'Israele e dalla Spagna dicono che ai i trattamenti basati a cannabis potrebbero migliorare la perdita di memoria nelle vittime di Alzheimer.

La rivelazione è stata fatta questa settimana ad un simposio degli esperti nella cannabis ospitati dalla Società Farmaceutica Reale della Gran Bretagna (RPSGB) dove gli scienziati hanno detto che un presente composto in cannabis rallenta significativamente i problemi di memoria causati dalla malattia.

Dieci anni fa il RPSGB ha lanciato i sui protocolli per dimostrare l'efficacia terapeutica della cannabis che piombo alle prove Finanziate dal governo in Gran-Bretagna per esplorare i vantaggi per i pazienti con la sclerosi a placche e nel trattamento di dolore severo.

le medicine Cannabis-Derivate successivamente hanno acceduto al servizio e sono attualmente disponibili ai pazienti nel Canada.

Il reclamo segue le riuscite prove in mouse e gli scienziati ora stanno richiedendo il finanziamento affinchè le prove siano condotti in esseri umani.

La Cannabis è pensata per avviare gli effetti psicotropi nocivi qualche gente ma gli scienziati dicono il composto medicinale in questione, cannabidiol, non è un ingrediente allucinogeno.

Il Professor Raphael Mechoulam dall'Università Ebraica di Gerusalemme, anche trovata che i sintomi del diabete di tipo 1 possono essere aiutati dal cannabidiol.

Il Professor Mechoulam tuttavia mette in guardia contro l'uso della cannabis dai pazienti di Alzheimer perché l'ingrediente psicoattivo Tetrahydrocannabinol (THC) potrebbe avere effetti offensivi sulla memoria.

Gli Esperti stanno richiedendo i test clinici nei vantaggi potenziali delle componenti non psicoattive delle cannabis ed anche sollecitano che tali trattamenti non sono gli stessi come le cannabis ricreative usino.

Il Professor Tony Moffat, presidente del Simposio dice che i progressi sono stati realizzati durante i dieci anni ultimi ma la più ricerca è necessaria poichè c'è considerevole interesse nei vantaggi medici delle cannabis e dei composti riferiti per un intervallo dei termini compreso l'artrite, la sclerosi a placche ed il dolore neurologico.

Il Morbo di Alzheimer è il modulo più comune di demenza, che pregiudica 24,3 milione di persone stimato universalmente.