Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I nero con storia della famiglia meno probabile che i bianchi ottenere colonoscopia

Gli afroamericani che hanno parenti di primo grado multipli con tumore del colon sono meno probabili che i bianchi con i parenti commoventi subire i processi di vagliatura raccomandati, secondo un rapporto nell'emissione del 24 marzo degli archivi di medicina interna, una delle pubblicazioni di JAMA/Archives.

La storia della famiglia aumenta il rischio per tumore del colon, particolarmente se i parenti di primo grado multipli sviluppano la circostanza o se un membro della famiglia immediato è diagnosticato prima dell'età 60, secondo informazioni di base nell'articolo. La maggior parte delle linee guida cliniche raccomandano che le persone con questi fattori di storia della famiglia comincino a subire la selezione per il cancro colorettale all'età 40 anni, rispetto all'età 50 per la popolazione in genere. Una colonoscopia ogni cinque anni è il metodo di vagliatura della scelta.

Harvey J. Murff, M.D., M.P.H., della Vanderbilt University, Nashville, Tenn. e colleghi ha analizzato il comportamento della selezione nelle età di 41.830 persone (32.265 afroamericani e 9.565 bianchi) 40 - 79 anni. Le caratteristiche demografiche, la cronologia del cancro della famiglia, l'uso dell'alcool e del tabacco, l'anamnesi, il livello di attività fisica e l'uso del farmaco sono stati valutati alle interviste iniziali, condotte fra 2002 e 2006. Ai partecipanti egualmente sono stati chiesti se avevano subito sigmoidoscopy o la colonoscopia per la selezione di tumore del colon.

Complessivamente 538 afroamericani (1,7 per cento) hanno riferito i parenti di primo grado multipli con tumore del colon o un parente di primo grado diagnosticato prima dell'età 50, rispetto a 255 bianchi (2,7 per cento). Di quelli, 27,3 per cento degli afroamericani e 43,1 per cento dei bianchi hanno riferito avere una colonoscopia nei cinque anni scorsi, come raccomandato. Inoltre in questo gruppo, gli afroamericani erano meno probabili che i bianchi (19,7 per cento contro 46,9 per cento) riferire una diagnosi personale dei polipi colorettali, precursori a cancro colorettale.

“Per sia gli afroamericani che i bianchi con le storie della famiglia di tumore del colon, la ragione più comune data per avere una colonoscopia o sigmoidoscopy flessibile era la mancanza di raccomandazione dal loro fornitore di cure mediche e questa ragione è stata riferita più comunemente dagli afroamericani,„ gli autori scrivono.

“In conclusione, in questa popolazione svantaggiata, le procedure di colonoscopia in persone con le storie della famiglia di tumore del colon sono sottoutilizzate,„ essi continuano. “I medici ed altri fornitori di cure mediche devono suscitare le informazioni di storia della famiglia per tutti i pazienti ed assicurarsi che gli afroamericani con i parenti commoventi ricevano giustamente la selezione di tumore del colon.„

La nota dell'editore: Questo articolo è stato supportato in parte dalle concessioni dagli istituti della sanità nazionali. Vedi prego l'articolo per ulteriore informazione, compresi gli altri autori, contributi ed affiliazioni dell'autore, comunicazioni finanziarie, finanziamento e supporto, ecc.