Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il resveratrol antiossidante del vino rosso uccide il cancro

I ricercatori di Rochester hanno indicato per la prima volta che un antiossidante naturale trovato in interfacce dell'uva e vino rosso può contribuire a distruggere le celle di cancro del pancreas raggiungendo alla fonte di energia della memoria delle cellule, o mitocondri e paralizzare la sua funzione.

Lo studio è pubblicato nell'edizione di marzo del giornale, avanza nella medicina e nella biologia sperimentali.

Lo studio egualmente ha mostrato quello quando le celle di cancro del pancreas sono state assalite doppiamente -- pretrattato con l'antiossidante, resveratrol ed irradiato -- la combinazione ha indotto un tipo di apoptosis chiamato di morte delle cellule, uno scopo importante della terapia del cancro.

La ricerca ha molte implicazioni per i pazienti, ha detto l'autore principale Paul Okunieff, M.D., capo dell'oncologia di radiazione al centro di James P. Wilmot Cancer all'università di centro medico di Rochester.

Sebbene il consumo del vino rosso durante il trattamento radioattivo o della chemioterapia non sia stato studiato bene, “non è controindicato,„ Okunieff ha detto. Cioè se un paziente già beve moderatamente il vino rosso, la maggior parte dei medici non direbbero il paziente di darlo su durante il trattamento. Forse una migliore scelta, Okunieff ha detto, sarebbe di bere tan succo di uva rosso o porpora come desiderato.

Eppure malgrado interesse diffuso in antiossidanti, alcuni medici sono interessati che gli antiossidanti potrebbero finire i tumori proteggenti. Lo studio di Okunieff indicato là è poca prova per supportare quel timore. Infatti, la ricerca suggerisce gli sbracci del resveratrol non solo il suo obiettivo progettato, danneggiare il nesso delle celle maligne, ma allo stesso tempo protegge il tessuto normale dagli effetti nocivi di radiazione.

“La ricerca antiossidante è molto attiva e molto seducente ora,„ Okunieff ha detto. “La sfida si trova nell'individuazione della concentrazione giusta e come funziona dentro la cella. In questo caso, abbiamo scoperto una parte importante di quell'equazione. Il Resveratrol sembra avere un guadagno terapeutico rendendo le celle del tumore più sensibili a radiazione e rendendo il tessuto normale meno sensibile.„

Il Resveratrol è conosciuto affinchè la sua capacità protegga gli impianti dai batteri e dai funghi. Le versioni depurative sono state descritte in giornali scientifici come agenti anticancro, antinfiammatori e anti--atherogenic potenziali ed affinchè la loro capacità modulino la crescita delle cellule. Altri antiossidanti ben noti derivati dalle sorgenti naturali includono la caffeina, la melatonina, i flavonoidi, i polifenoli e le vitamine C ed E.

Un turbine di neve degli studi antiossidanti negli ultimi anni non ha provato come e perché funzionano al livello cellulare. A proposito di giovane scienziato nel suo laboratorio, Okunieff ha cominciato a studiare il resveratrol come sensibilizzatore del tumore. Quello è quando hanno scoperto il suo collegamento ai mitocondri.

La scoperta è critica perché, come il nucleo delle cellule, i mitocondri contiene il suo proprio DNA ed ha la capacità di fornire continuamente alla cella energia quando funziona correttamente. La fermata del flusso di energia ferma teoricamente il cancro.

I ricercatori hanno diviso le celle di cancro del pancreas in due gruppi: le celle hanno trattato senza resveratrol, o con il resveratrol, ad una dose elevata relativamente di 50 mg/ml, congiuntamente a radiazione ionizzante. (La concentrazione nel resveratrol in vino rosso può essere alta come 30 mg/ml, lo studio hanno detto e le dosi elevate si pensano che siano sicure finchè un medico sta riflettendo.)

Hanno valutato la funzione dei mitocondri delle celle curate con il resveratrol ed egualmente hanno misurato il apoptosis (morte delle cellule), il livello di specie reattive dell'ossigeno nelle celle e come le membrane cellulari hanno risposto all'antiossidante.

Gli esperimenti del laboratorio hanno mostrato quel resveratrol:

  • Ha diminuito la funzione delle proteine nelle membrane cellulari del cancro del pancreas che sono responsabili del pompaggio della chemioterapia dalla cella, rendente le celle chemo sensibili.
  • Ha avviato la produzione delle specie reattive dell'ossigeno (ROS), che sono sostanze che circolano nel corpo umano che sono state implicate in una serie di malattie: quando il ROS è aumentato, le celle bruciano e muoiono.
  • Apoptosis causato, che è probabile il risultato del ROS aumentato.
  • Ha depolarizzato le membrane mitocondriali, che indica una diminuzione nel potenziale delle cellule di funzionare. La radiazione da solo non danneggia la membrana mitocondriale tanto.

Il gruppo egualmente ha voluto studiare perché le celle di cancro del pancreas sembrano essere particolarmente resistenti alla chemioterapia. Il pancreas, una ghiandola situata in profondità nell'addome, produce l'insulina e regolamenta lo zucchero e pompe o enzimi digestivi potenti dei canali nel duodeno. Questo trattamento di pompaggio naturale, tuttavia, finisce sbarazzando la chemioterapia necessaria dalle celle nel pancreas. Ma appena mentre il reseveratrol interferisce con la fonte di energia delle cellule tumorali, anche può fare diminuire la potenza disponibile alla chemioterapia della pompa dalla cella.

“Mentre gli studi supplementari sono necessari,„ Okunieff ha detto, “questa ricerca indica che il resveratrol ha un futuro di promessa come componente del trattamento per cancro.„

Nello stesso giornale, Okunieff ed il suo gruppo anche esaminati perché il resveratrol protegge il tessuto normale ed hanno trovato che gli antiossidanti possono essere destinati per approfittare di determinati beni biochimici o degli obiettivi cellulari, rendente li più efficaci.