Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il collegamento misterioso fra le date di nascita di estate e la miopia

La stagione della nascita svolge un ruolo nello sviluppo della miopia? Le cornee dai donatori più anziani rispettano gli standard di qualità per la chirurgia di trapianto? Questi sono fra gli argomenti esplorati nell'emissione dell'oftalmologia, il giornale dell'aprile 2008 dell'accademia americana dell'oftalmologia.

I livelli di luminosità naturali fanno un bambino sopportato a giugno più probabilmente per essere miopi, o miopi, che se lui o lei fosse stata sopportata a dicembre? Mentre gli scienziati ritengono che i fattori genetici svolgano il più forte ruolo nella miopia, una serie di studi indicano che esposizione alla luce prima che e subito dopo la nascita genera i segnali biologici che influenzano lo sviluppo della capacità dell'occhio di mettere a fuoco correttamente e rifrangere l'indicatore luminoso. La ricerca aveva suggerito che l'influenza di indicatore luminoso sullo sviluppo della visione in questo periodo perinatale potrebbe accadere attraverso i segnali biologici del madre-bambino prima della nascita, o con l'esposizione diretta del bambino dopo la nascita, o entrambe. Poiché l'effetto dei livelli di luminosità sulla miopia, all'occorrenza, era probabile essere leggero, un grande studio di popolazione era necessario più ulteriormente esplorare la domanda.

Yossi Mandel, MD ed il suo gruppo di ricerca ha trovato un gruppo di studio adatto in candidati per servizio militare israeliano che sono stati valutati medicamente fra 2000 e 2004. Tutti e 276.911 i partecipante (157.663 maschio, femmina 119.248) nasceva nell'Israele, assicurando la loro esposizione alle stesse variazioni leggere stagionali. Le tariffe di prevalenza della miopia, risolute da esame visivo e definite a tre livelli di severità, erano: delicato, 18,8 per cento; moderato, 8,7 per cento; e severo, 2,4 per cento. Il rischio di miopia moderata e severa diversa con i livelli stagionali di indicatore luminoso, o fotoperiodi, con le più alte tariffe a giugno in /July sopportato bambini e a dicembre in /January più basso. Queste correlazioni sono state considerate altamente statisticamente significative. I risultati erano regolato per altri fattori di rischio conosciuti della miopia, quali il genere, il livello di formazione ed il pæse d'origine del padre. La miopia delicata non è stata associata con la stagione della nascita o dell'esposizione alla luce perinatale.

La miopia permette che la gente vedi chiaramente gli oggetti del primo piano mentre gli oggetti distanti sembrano vaghi. La circostanza è sull'aumento universalmente, ma le cause rimangono incerte. Il trattamento della miopia negli Stati Uniti costa più di $4,6 miliardo all'anno e la gente con la circostanza è all'elevato rischio per distacco della retina ed altre complicazioni. Poiché il collegamento alla data di nascita stagionale era più pronunciato per la miopia severa, il Dott. Mandel conclude: “Sembra che ragionevole per supporre che soltanto una frazione della popolazione potrebbe essere geneticamente incline sviluppi la miopia se esposto ai fattori di rischio ambientali quale un fotoperiodo perinatale lungo. Ulteriore prospezione dei meccanismi che sono alla base dell'effetto di indicatore luminoso sullo sviluppo e della progressione della miopia in esseri umani è necessaria inventare le efficaci misure preventive.„

Rispondere all'esigenza dei trapianti della cornea

Più di 33.000 trapianti sono fatti ogni anno negli Stati Uniti per trattare le malattie che pregiudicano la cornea, la parte anteriore trasparente dell'occhio che riguarda il diaframma, l'allievo e la camera anteriore e che fornisce gran parte della potenza visiva dell'occhio. Sebbene l'offerta delle cornee erogarici sia stata adeguata, i nuovi regolamenti di Food and Drug Administration potrebbero limitare il raggruppamento erogatore e già la domanda internazionale supera l'offerta. Sollevare il limite di età erogatore accettabile sopra l'età 65 ha potuto ampliare l'offerta da 20 - 35 per cento, particolarmente come le età della popolazione degli Stati Uniti. Ma l'uso di più vecchie cornee erogarici è stato discutibile fra i chirurghi. Lo studio erogatore della cornea, principalmente costituito un fondo per dall'istituto nazionale dell'occhio degli istituti della sanità nazionali, dei risultati quinquennali confrontati degli innesti corneali dai donatori più anziani e più giovani.

Sessantacinque per cento dei pazienti di studio hanno ricevuto le cornee dalle banche degli occhi con i donatori invecchiati 12 - 65 e 35 per cento dai donatori hanno invecchiato 66 - 75. I pazienti hanno fatti definire le circostanze come “rischio moderato,„ quali la distrofia di Fuch o un modulo serio dell'edema. La sorgente erogatrice (età compresa) era sconosciuta ai chirurghi ed ai destinatari. Tutto il tessuto erogatore ha rispettato gli standard, quale densità endoteliale delle cellule, conosciuta per essere importante a successo del trapianto corneale. Nella valutazione quinquennale di seguito, entrambi i gruppi hanno raggiunto un indice di successo del trapianto di 86 per cento e nessuna differenza significativa nei risultati è stata trovata. Gli autori concludono: “I nostri risultati indicano che il raggruppamento erogatore dell'età dovrebbe essere espanto a 75 anni. I chirurghi ed i pazienti ora hanno prova che le più vecchie cornee erogarici comparabili nella qualità a quelle utilizzate in questo studio sono adatte a trapianto.„