Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova visione della patogenesi del neurodegeneration in telangiectasia di Atassia

Un documento imminente dal Dott. David Wassarman (Università di Scuola di Medicina e di Salute pubblica di Wisconsin) nell'emissione del 1° maggio di G&D presta la nuova comprensione nella patogenesi del neurodegeneration in telangiectasia di Atassia.

Il telangiectasia di Atassia (A) è una malattia rara e genetica di immunodeficienza che sistemi multipli dell'organo di influenze ed è caratterizzato dalla predisposizione del cancro e di neurodegeneration. A è causato dalle mutazioni recessive nel gene mutato telangiectasia (ATM) di atassia.

Mentre i modelli animali attuali hanno stabilito come le mutazioni di BANCOMAT contribuiscono a predisposizione genomica del cancro e di instabilità, la relazione del Dott. Wassarman rivela come le mutazioni di BANCOMAT causano il neurodegeneration.

Gli scienziati hanno generato un modello della Drosofila di A, in cui il neurodeneneration si presenta in assenza di danno indotto del DNA - come fa in essere umano Ai pazienti. Quindi, il modello del Dott. Wassarman ricapitola il più fedelmente il neurodegeneration connesso con la malattia umana.

Facendo Uso di questo modello, il Dott. Wassarman ed i colleghi hanno determinato normalmente le funzioni di BANCOMAT per impedire i neuroni registrare di nuovo il ciclo cellulare.

“A fine giornata, l'arresto Bancomat-dipendente della crescita delle cellule è critico per sia la funzione del neurone che la soppressione del tumore,„ spiega il Dott. Wassarman. Ancora, è eccitato dai risultati, poichè “indicano potenziale terapeutico possibile di CDC25 e di altri inibitori del ciclo cellulare„ all'ossequio A come pure ad altri disordini neurodegenerative.

http://www.cshl.org/