Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Stato mestruale ed effetti cardiovascolari a lungo termine dell'esercizio intenso nelle donne superiori dell'atleta di elite'

Lungamente è stato presupposto che i disordini mestruali fra gli atleti femminili dell'elite fossero collegati con i regimi duri di addestramento combinati con l'assunzione insufficiente di energia. Tuttavia, una nuova tesi di dottorato dall'università medica svedese Karolinska Institutet capovolge le vecchie idee che lo sport dell'elite può danneggiare la salubrità. Molti atleti femminili dell'elite possono avere uno stato congenito, quello dà loro i livelli elevati del testoterone e quello potrebbe anche contribuire ai loro successi di sport.

“Di cui stiamo occupando è appena un aumento minuscolo nei livelli, che possono renderlo più facile affinchè le donne sviluppino la massa del muscolo ed assorbire l'ossigeno,„ dice Magnus Hagmar, postuniversitario al ministero della donna e della salute dei bambini. “Questo significa che potrebbero avere i risultati più rapidi dal loro addestramento e quindi incoraggianti a prepararsi più duro e più spesso.„

La sindrome policistica dell'ovaia (PCOS) è una causa comune e congenita di disordine mestruale che, fra l'altro, può piombo ad un leggero incremento della produzione del testoterone. Magnus Hagmar ora indica nella sua tesi non solo che PCOS è spesso dietro i disordini mestruali negli atleti olimpici dell'elite, ma anche che le ovaie policistiche - parte di PCOS - erano più comuni fra gli atleti olimpici dell'elite (37 per cento) che fra le donne in media 20 per cento).

“È particolarmente interessante che la percentuale delle donne con le ovaie policistiche era più alta negli sport di potenza come hockey su ghiaccio e lottare che negli sport tecnici come tiro con l'arco ed arricciare,„ dice il Dott. Hagmar.

Il Dott. Hagmar sollecita che i risultati hanno niente a che fare con la verniciatura. I 90 atleti di elite che hanno partecipato allo studio hanno catturato le prove di droga regolari, tutti negativi. Crede che gli studi capovolgano le vecchie nozioni che la prestazione di sport femminile può danneggiare la salubrità.

Un'emissione centrale nello sport di donne livelle dell'elite negli ultimi anni è stata la triade femminile dell'atleta del `', con cui l'addestramento duro combinato con l'assunzione di energia bassa è stato pensato per contribuire a disordine mestruale ed a densità ossea bassa successiva (osteopenia) causati dai bassi livelli di estrogeno. Tuttavia, questo nuovo studio ora indica che gli atleti femminili dell'elite, malgrado i disordini mestruali, hanno ossa molto forti. Negli sport dove l'immunizzazione corporea bassa è un vantaggio, le donne egualmente hanno generalmente un modo più sano di gestire il loro peso che le loro controparti maschii.

“Non possiamo completamente eliminare l'assunzione di energia bassa come causa di disordine mestruale negli atleti di elite, c'era un caso in questi studi anche, ma è lontano dalla maggior parte della causa comune,„ dice il sig. Hagmar. “Il fatto che non una donna non-sposata ha avuta densità ossea bassa porta via uno dei fattori della triade femminile dell'atleta.„

Magnus Hagmar è medico senior di aiuto alla clinica delle donne all'ospedale universitario di Karolinska, a Stoccolma ed ha effettuato i suoi studi in collaborazione con il comitato olimpico svedese (SOC). Uno degli studi ha fatto partecipare 223 uomini e donne che avevano fatto concorrenza nei 2002 e 2004 giochi olimpici. Un altro hanno fatto partecipare 90 donne, tutte di chi sono nell'addestramento per le Olimpiadi 2008.

Tesi di dottorato: Stato mestruale del ` ed effetti cardiovascolari a lungo termine dell'esercizio intenso nelle donne superiori dell'atleta di elite', in Magnus Hagmar, ministero della donna e della salute dei bambini. La difesa pubblica avrà luogo a Stoccolma venerdì 18 aprile 2008.

Download: http://diss.kib.ki.se/2008/978-91-7357-549-2/