Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I trattamenti Differenti governano la vista, rilevazione leggera - i risultati potrebbero dirigersi verso la guida per TRISTE, pazienti di insonnia

Un biologo di Johns Hopkins University, nella ricerca con le implicazioni per la gente che soffre dal disordine affettivo e dall'insonnia stagionali, ha determinato che l'occhio usa l'indicatore luminoso per risistemare l'orologio biologico attraverso un meccanismo a parte dalla capacità di vedere.

I risultati suggeriscono che i pazienti con difficoltà che dormono o la depressione stagionale - disordini che possono essere collegati a mancanza di esposizione a luce del giorno - potrebbero trarre giovamento dallo sviluppo delle prove più facili e più disponibili per determinare se possono individuare correttamente l'indicatore luminoso per le funzioni distinte da vista normale, hanno detto Samer Hattar, assistente universitario di biologia a Scuola dello Zanvyl Krieger dell'università delle Arti e delle Scienze.

“Sembra che anche se le persone hanno vista normale, potrebbero avere una disfunzione che sta contribuendo alla loro incapacità di individuare l'indicatore luminoso, che può pregiudicare avversamente i loro orologi biologici,„ Hattar abbiano detto.

Scrivendo nell'odierna emissione Online Di Avanzamento della Natura (disponibile a www.nature.com) e nell'emissione della stampa del 1° maggio, Hattar ed i colleghi hanno riferito che geneticamente hanno modificato i mouse in modo che un insieme particolare delle celle retiniche del ganglio - celle che ricevono l'input dai coni retinici e dai coni degli occhi degli animali ed inviano le informazioni al cervello - più non funzionato.

I mouse potevano ancora usare l'indicatore luminoso per vedere normalmente, ma hanno incontrati grande difficoltà sincronizzare i loro ritmi circadiani per accendersi/cicli scuri, l'allungamento costante o accorciamento delle ore diurne che si presenta secondo l'epoca dell'anno.

La ricerca Priore nel campo piombo i ricercatori credere che perché i roditori interni, “orologi„ biologici sono da sincronizzazione con il giorno solare, i roditori abbiano incontrati difficoltà che imparano e che dormono su un ciclo regolare e di 24 ore. Il gruppo ancora non ha verificato quell'ipotesi.

“Questa ricerca illustra che ci sono due vie distinte per i due aspetti differenti di rilevazione leggera: immagine-formandosi e non immagine formandosi,„ Hattar ha detto.

Il punto seguente del gruppo funzionerà verso una vasta comprensione delle funzioni di indicatore luminoso per gli animali e differenziarsi fra quelli che sono associati con formazione di immagine e quelli che sono associati con rilevazione leggera semplice.

Anche senza quella ricerca supplementare, tuttavia, Hattar ed il suo gruppo sono convinti, in base ad una lunga fila di lavoro da altri ricercatori, che l'esposizione quotidiana ad indicatore luminoso naturale migliori la memoria, l'umore e l'apprendimento.

“I Nostri suggerimenti sono semplici: Esca al sole per almeno un poco mentre ogni giorno,„ Hattar ha detto. “C'è una ragione per la quale cerchiamo il sole e la spiaggia e noi ritengono migliori quando possiamo sederci al sole e prendere il sole.

“Inoltre, eviti molto le luci intense durante la notte, mentre l'esposizione a loro può causare una disfunzione in vostro orologio biologico,„ lui ha detto. “L'idea è di tenere il vostro ritmo interno in sintonia con il ciclo del sole: esposizione durante il giorno quando il sole è fuori, meno esposizione alla notte, quando il sole è giù, per così dire. Sono convinto che questo contribuisca a migliorare la vostra memoria ed il vostro apprendimento.„

Ali D. Guler, Jennifer L. Ecker, Cara M. Altimus e Haiqing Zhao, tutto Dipartimento di Biologia a Johns Hopkins, sono co-author. Altri autori includono Gurprit S. Lall, Alun R. Barnard e Robert Lucas, tutta Università di Manchester, Regno Unito; Shafiqul Haq, Suo-Wen Liao, Hugh Cahill, Tudor C. Badea e Re-Wai Yau, tutta Scuola di Medicina di Johns Hopkins University; Tracci Hankins dell'Università di Oxford, Regno Unito; e David M. Berson della Brown University.

Questa ricerca è stata supportata dagli Istituti della Sanità Nazionali, la Biotecnologia ed il Consiglio della Ricerca di Scienze Biologiche, le Fondamenta di Lucile e di David Packard ed Alfred il P. Sloan Foundation.

Sito Relativo
Per ascoltare un podcast circa questa ricerca, smetta da questa pagina.

http://www.jhu.edu