Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trattamento doppio dell'incontinenza e della demenza si è associato con il declino funzionale

Residenti più anziani della casa di cura che hanno catturato i farmaci per demenza e l'incontinenza allo stesso tempo ha avuta un declino più veloce 50 per cento nella funzione che coloro che stava curando soltanto per demenza, secondo uno studio dai ricercatori alla scuola di medicina ed ai colleghi di Wake Forest University.

“È probabile che gli effetti oppositivi delle droghe contribuite al declino accelerato,„ ha detto Kaycee M. Sink, M.D., M.A.S., autore principale. “Durante un anno, il declino che abbiamo osservato rappresenterebbe un residente che va dalla richiesta soltanto dell'assistenza limitata in un'attività ad essere completamente dipendente, o dalla richiesta soltanto del controllo a richiedere l'estesa assistenza in un'attività.„

La combinazione di droghe ha pregiudicato gli adulti più anziani che hanno cominciato fuori con i livelli elevati della funzione nelle attività della vita quotidiana quale il condimento, l'igiene personale, toileting, trasferente, la mobilità del letto, mangiando e potendo ottenere intorno all'unità. I risultati sono stati pubblicati online dal giornale della società americana della geriatria e compariranno in un'emissione futura della stampa.

Le due condizioni mediche più comuni fra i residenti della casa di cura sono demenza e l'incontinenza urinaria ed essi coesistono spesso. Lo studio hanno fatto partecipare 395 residenti della casa di cura in Indiana che stavano catturando i farmaci per entrambe le circostanze e 3.141 chi stavano catturando soltanto un farmaco di demenza.

I residenti inclusi nell'analisi erano le età 65 e più vecchio ed avevano avuti almeno due prescrizioni consecutive per gli inibitori del colinesterasi, una famiglia delle droghe usate per trattare la demenza. Gli esempi includono il donepezil (Aricep), il galantamine (Razadyne), il rivastigmine (Exelon) e il tacrine (Cognex). Queste droghe sono destinate per aumentare i livelli di acetilcolina, un prodotto chimico che migliora la comunicazione fra le cellule nervose nel cervello.

Circa 10 per cento dei residenti egualmente stavano catturando il oxybutynin o la tolterodina, i due medicinali il più comunemente prescritti per l'incontinenza urinaria. Queste droghe sono conosciute come agenti anticolinergici e sono destinate per bloccare l'acetilcolina.

“Le due droghe sono gli opposti farmacologici, che piombo noi supporre che il trattamento simultaneo di demenza e dell'incontinenza potrebbe piombo all'efficacia diminuita di una o entrambe la droga,„ hanno detto il lavandino, un assistente universitario di medicina-gerontologia interna.

Ha detto che l'individuazione del più declino rapido fra i residenti che catturano entrambi i tipi di droghe rappresenta un problema sanitario di salute pubblica significativo perché i 33 per cento stimato della gente con demenza egualmente catturano una droga per l'incontinenza.

“Finora, il dilemma clinico per l'incontinenza di gestione e la demenza è stato in gran parte teorici. Questa ricerca suggerisce che possa piombo ai risultati peggiori, che è l'intenzione opposta della terapia per demenza.„

I ricercatori anche misurati se i residenti che catturano entrambe le droghe egualmente hanno avvertito un declino nella funzione mentale, ma là non erano differenza fra i due gruppi, possibilmente perché la prova non era abbastanza sensibile. Il lavandino ha detto che la simile ricerca dovrebbe essere estendere agli adulti più anziani dell'comunità-abitazione con demenza e che le misure più sensibili per cognizione dovrebbero essere usate. Gli studi precedenti hanno indicato che i farmaci della vescica sono associati con il declino conoscitivo e che la gente con demenza è particolarmente sensibile a questo effetto secondario.

“I risultati indicano che i clinici dovrebbero continuare a provare le strategie di gestione della non droga per l'incontinenza prima di cominciare la terapia con una di queste medicine comuni,„ hanno detto il lavandino.

Ha notato che gli studi sono stati intrapresi nel 2003 e 2004, prima che i più nuovi farmaci di incontinenza fossero presentati che possono avere meno effetto su acetilcolina nel cervello.

La ricerca è stata costituita un fondo per dal programma di risultati di salubrità della geriatria di Hartford, dal centro di Kulynych per la ricerca di cognizione e dalle fondamenta di Regenstrief.

i Co-ricercatori erano Steven Kirtchevsky, Ph.D., con la foresta di risveglio e Joseph Thomas, Ph.D., Huiping Xu, Ph.D., Bruce Craig, Ph.D. e sabbie di Laura, Ph.D., tutto con la Purdue University.